Tragedia Durastanti: la versione della Polizia; il cordoglio del sindaco di Castorano

0
259
Stadio Del Duca, l'esterno della tribuna
Stadio Del Duca, l'esterno della tribuna
Stadio Del Duca, l’esterno della tribuna

Il sindaco di Castorano Daniel Ficcadenti rivolge le sue condoglianze alla famiglia del concittadino Alberto Durastanti, il 61enne tragicamente scomparso sabato mentre si recava a vedere la partita Ascoli-Santarcangelo.
“Esprimo il mio personale e sincero cordoglio e la vicinanza di tutta la città di Castorano per la scomparsa di Alberto, una brava persona, conosciuta e stimata da tutti gli abitanti di San Silvestro, lo conoscevo personalmente, perché padre di un mio carissimo amico. Abbiamo deciso di sospendere tutte le iniziative legate al premio di poesia che si tengono in questi giorni in segno di lutto, le manifestazioni riprenderanno dopo i funerali”.

LA TRAGEDIA I soccorsi non sono serviti, Durastanti non ce l’ha fatta, dopo esser caduto dal ponte della circonvallazione su via delle Zeppelle poco prima dell’inizio della partita. Probabilmente, per raggiungere più in fretta l’ingresso, potrebbe aver deciso di non fare tutto il giro a piedi, ma tagliare corto scendendo lungo la scarpata dal ponticello in direzione dell’ex ospedale Luciani, sulla sottostante strada che porta allo stadio.

Subito dopo l’accaduto si era diffusa la voce che Alberto Durastanti avrebbe cercato una scorciatoia per raggiungere l’ingresso allo stadio, dopo che gli addetti alla sicurezza non l’avrebbero fatto passare attraverso l’ingresso degli ospiti. Ma la polizia smentisce che questo sia realmente avvenuto. Il settore degli ospiti è un’area totalmente isolata, affermano fonti ufficiali e nessuno può accedere da quei cancelli perché verrebbe a mancare l’agibilità dello stadio e non si potrebbe giocare.

dal Resto del Carlino