Ascoli, Notte Nazionale del Liceo Classico

0
436

di Alessandra Addari

Anche quest’anno l’istituto ascolano ha aderito all’iniziativa, giunta alla sua seconda edizione, che coinvolge studenti, genitori e cittadini.

ASCOLI PICENO – È stata una “Notte Bianca” quella di venerdì 15 gennaio, a partire dalle ore 18.00 fino a mezzanotte, presso il Liceo Classico F. Stabili.

Ad aprire le porte ieri, contemporaneamente, per promuovere una serie di eventi culturali organizzati dagli studenti, sono stati più di 230 Licei.

Oltre agli alunni, hanno partecipato alla serata ex studenti, famiglie e cittadini, assistendo a spettacoli ed a momenti artistico – culturali, dal balletto di Isotta Ciccoianni e Altea Gagliardi, al duo acustico di Sofia Mancini e Martina Galanti, alla sfilata di moda con Ipsia Moda e Cruisè.

Dopo l’intervento del Vice Sindaco ed Assessore alle Politiche Sociali e Pari Opportunità Donatella Ferretti, alcuni alunni hanno presentato Novecento, il libro dello scrittore, saggista e critico Alessandro Baricco, celebre nella versione cinematografica riadattata da Giuseppe Tornatore (La leggenda del pianista sull’oceano): Rachele Girardi e Luigi Ferri hanno rielaborato il monologo teatrale di Baricco mentre Valeria Vitelli li ha accompagnati al pianoforte.

Gli allievi del corso di teatro scolastico Silvia Strambi, Vittoria De Vincentis, Maria Chiara Merli e Pierluigi Canistro hanno poi messo in scena il recital Inferno in sei minuti, rappresentazione parodica della Divina Commedia, in cui attraverso canzoni contemporanee sono state raccontate le vicende dei protagonisti.

Intorno alle ore 22.00 il dottore Mauro Mario Mariani, medico chirurgo specializzato in angiologia, ha parlato di alimentazione e salute, di correlazione tra abuso di proteine e tumori: “Cancerogeni di classe uno – ha chiarito – sono le carni rosse trasformate industriali; inorridisco al pensiero che fra sei mesi dovrebbero arrivare qui i due colossi McDonald’s e Burger King perché temo per i ragazzi che vi mangeranno”. Ciò nonostante ha dichiarato che non bisogna necessariamente eliminare del tutto un alimento – questa è “la grande delusione dei circoli vegani che da anni lo invitano ai loro convegni” – ma solo essere consapevoli delle conseguenze a cui si va incontro mangiando cibi sbagliati, esattamente come chi fuma sa che nuoce gravemente alla salute in quanto è indicato sul pacchetto. Sostenitore della dieta mediterranea, basata su frutta, verdura, cereali, legumi e olio extravergine di oliva, ha spiegato che più che biologici dovremmo mangiare cibi naturali ossia di stagione, cosa che oggi non accade quasi più.

Grande assente il presentatore Rai Massimiliano Ossini, a quanto si dice rimasto imbottigliato nel traffico nella zona di Rimini, che avrebbe dovuto affiancare il professor Mariani.