Ascoli Picchio: Maresca e i complimenti di Sacchi, Giaretta e il caso Perez

0
545

Alla ripresa dei lavori dell’Ascoli Picchio per un infortunato che torna (D’Urso) ce n’è uno che entra in infermeria e ci resterà qualche settimana (Bianchi). In vista della gara di sabato contro la Salernitana (anticipo alle ore 18 allo stadio “Arechi”) a parlare sono mister Maresca e il ds Giaretta.

MARESCA – “E’ la prima volta che affronto la Salernitana da avversario, ma ora penso all’Ascoli che deve continuare a crescere. Obiettivo tre punti. Finora abbiamo ricevuto tanti complimenti per il gioco espresso, ultimamente per fortuna oltre ai complimenti sono arrivati anche i punti. Ce li hanno fatti l’allenatore del Chievo, Maran, poi Grassadonia e Tedino, inoltre ho ricevuto un messaggio da Arrigo Sacchi che si è complimentato per il nostro spirito positivo e la voglia di vincere sempre. Stiamo crescendo tutti e quando dico così penso a Mogos, Gigliotti, Mignanelli, Carpani, Baldini e Cinaglia. Col Palermo abbiamo fatto il primo tempo più bello del campionato anche se poi è mancato qualcosa nei trenta metri finali. A Salerno non avremo Favilli, ma Rosseti e Santini sono belli carichi. Non ci sarà nemmeno Bianchi che perdiamo per qualche settimana, mentre D’Urso è tornato in gruppo”.

GIARETTA – “La squadra sta crescendo quotidianamente. La scelta di tecnico e staff è stata molto importante, l’ambiente è sereno e i tifosi ci danno grande sostegno. Sono soddisfatto della rosa con molti giocatori di proprietà. Penso già al prossimo anno, sto seguendo molte partite e mi sto muovendo anche se il mercato è fermo. Avevo il rammarico di non aver preso un attaccante esterno sinistro, ma visto come stanno andando le cose va bene così. Lo striscione esposto in Curva Sud? Mi è dispiaciuto, lavoro con Cardinaletti tutti i giorni. Forse ddovremmo spiegare meglio gli obiettivi del progetto. Perez? Questa estate ha avuto dodici opportunità ma forse la situazione è sfuggita di mano al suo procuratore. E’ stato messo fuori squadra e poi reintegrato per giocarsi le sue chanche. Ha cambiato procuratore affidandosi a Di Campli (procuratore di Orsolini, Favilli, Lanni e altri, ndr), poi ha avuto questa reazione che è un fatto molto grave. Lo abbiamo sospeso per due giorni in attesa di prendere una decisione e intanto stiamo già muovendoci per cercargli una sistemazione al mercato di gennaio”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.