Ascoli, il “Premio Orlini” assegnato alla mezzofondista Eleonora Vandi


14 dicembre 2016 - 16:10
click

Prosegue la tradizione del Premio “Antonio Orlini”. L’iniziativa, promossa dal Centro Marcia Solestà e dalla Fondazione Simona Orlini Onlus, ricorda un protagonista indiscusso della vita di Ascoli Piceno, dove fu sindaco dal 1971 al 1978 e dirigente di spicco dello sport cittadino. Stavolta il riconoscimento, alla sua nona edizione e destinato all’atleta che nel corso dell’anno ha contribuito all’affermazione e al prestigio dell’atletica leggera marchigiana, è andato a Eleonora Vandi (foto in alto), 20enne mezzofondista di Pesaro. La scelta è ricaduta sulla portacolori dell’Atletica Avis Macerata per i risultati conseguiti nella stagione 2015, in particolare il titolo italiano juniores degli 800 metri e la partecipazione agli Europei Under 20 di Eskilstuna (Svezia), ma si è confermata brillante protagonista anche nel 2016 con il suo settimo successo tricolore della carriera, stavolta nella categoria promesse, e la vittoria a Tunisi nei Campionati del Mediterraneo under 23. Viene da una famiglia di atleti, perché il papà Luca è stato un valido mezzofondista negli anni ’80 e la mamma Valeria Fontan azzurra dei 400 metri oltre che primatista italiana juniores nella staffetta 4×400, entrambi presenti alla serata, invece la sorella minore Elisabetta Vandi si è laureata campionessa tricolore cadette nel 2015 sui 300 metri.

cccc

Armando De Vincentis, Giuseppe Illuminati, Pierluigi Tassotti, Francesco Ceci, Fabio Sturani, Massimliano Brugni, Francesco Silvi, Fabio Luna, ALberto Paccapelo, Vincenzo Garino

Il premio è un pregiato piatto di ceramica realizzato dall’artista Silvia Simonetti e che, nel tempo, è diventato una sorta di portafortuna per tutti gli atleti che lo ricevono. Nelle precedenti edizioni era stato consegnato alla martellista Clarissa Claretti (2007), al discobolo Eduardo Albertazzi (2008), all’ostacolista John Mark Nalocca (2009), alla quattrocentista Daniela Reina (2010), al saltatore in alto Gianmarco Tamberi (2011), alla specialista delle prove multiple Enrica Cipolloni (2012), al pesista Lorenzo Del Gatto (2013) e al marciatore Giacomo Brandi (2014).

cccc

Luigi Innocenzi, Elisabetta Alessandrini Orslini, Eleonora Vandi, Fabio Sturani

Nella settecentesca Villa Sgariglia in località Piagge ad Ascoli Piceno, a fare gli onori di casa ci hanno pensato la signora Elisabetta Alessandrini per la Fondazione Simona Orlini Onlus e Francesco Silvi, presidente Panathlon Club Ascoli Piceno, con Luigi Innocenzi, governatore distretto Area 5 del Panathlon International, in un appuntamento che come sempre ha visto la presenza di tante autorità come gli assessori comunali allo sport Massimiliano Brugni e al territorio Luigi Lattanzi, insieme a Pierluigi Tassotti, assessore allo sport del Comune di San Benedetto del Tronto. Presente quindi Fabio Sturani, responsabile segreteria di presidenza Regione Marche e componente della giunta nazionale del Coni, con tutti e cinque i delegati provinciali Coni: il maestro dello sport Armando De Vincentis (Ascoli Piceno), Fabio Luna (Ancona), Vincenzo Garino (Fermo), Giuseppe Illuminati (Macerata) e Alberto Paccapelo (Pesaro Urbino), senza dimenticare Romano De Angelis, storico dirigente Fidal, e Giovanni Ferrari, fiduciario regionale dei giudici gare Fidal.

ccc

Vittorio Ferretti, Francesco Canali, Francesco Ceci, Eleonora Vandi (Foto Agenzia Foto Spot)

Assegnata la Stella d’Oro Coni al merito sportivo a Vincenzo Ferretti, che da 45 anni organizza il “Trofeo Serafino Orlini”, manifestazione nazionale di marcia, e consigliere del Centro Marcia Solestà dal 1973 a oggi, dopo aver praticato a lungo questa disciplina e aver svolto attività non solo da dirigente ma anche come tecnico specialista. Un riconoscimento conferito dal presidente nazionale Coni Giovanni Malagò e ritirato nell’occasione dal fratello Vittorio Ferretti. Premiati con la stella di bronzo Coni al merito sportivo Francesco Canali, dirigente di lungo corso nella Federazione italiana cronometristi, e con la medaglia di bronzo Coni al valore atletico Francesco Ceci, campione tricolore di ciclismo su pista, mentre uno speciale diploma è stato attribuito a Faouzi Lahbi, allenatore di Eleonora Vandi.