Il Lago dei Cigni incanta il Ventidio Basso

0
507

di Alessandra Addari

La compagnia del Balletto di Mosca ha portato in scena ieri sera al teatro ascolano la romantica storia della principessa Odette e del suo amato.

ASCOLI PICENO –  Quasi in un sogno. Ci si sente così a guardar danzare il Ballet of Moscow, uno dei Corpi di ballo più famosi al mondo, ieri 15 Dicembre al teatro Ventidio Basso con Il Lago dei Cigni.

Fondato nel 2001 da Timur Gareev, il New Classical Ballet of Moscow è attualmente uno dei migliori balletti internazionali il cui repertorio include alcuni classici del patrimonio artistico-musicale fra cui Lo Schiaccianoci, La Bella Addormentata, Cenerentola, Biancaneve, Giselle, Don Chisciotte, Carmen, Coppelia.

Il Lago dei Cigni è fra i più conosciuti ed amati dal pubblico, probabilmente per il doppio ruolo di Odette-Odile (cigno bianco e cigno nero) e per l´eterna lotta fra il Bene e il Male.

La produzione in questione, che vanta la partecipazione di Svetlitsa Evgenii ed Olga Kifiak, entrambi primi solisti del Teatro Opera e Balletto di Kiev, racconta la storia della principessa Odette che un perfido sortilegio del malefico mago Rothbart costringe a trascorrere le ore del giorno sotto le sembianze di un cigno bianco e si caratterizza per il finale romantico in cui Sigfrid, decidendo di seguire la sua amata che, destinata alla morte, scompare nelle acque del lago, rompe così l’incantesimo, consentendo loro di vivere per sempre felici.

Bella l’esibizione di ieri, con le musiche di P.I. TCajkovskij e le coreografie di Marius Petipa, anche se il “principe Sigfrid”, tecnicamente impeccabile, ha forse convinto meno sul piano espressivo.

Bravissimi i ballerini nei ruoli del malefico Rothbart e del giullare.

Sublimi i fouetté del “cigno nero”, ampiamente applauditi dal pubblico, le scenografie ed i costumi, fra cui incantevoli quello bianco ed etereo di Odette e quello nero di Odile.

Peccato mancasse la tradizionale ouverture, rimpiazzata da una breve sintesi musicale ed emotiva del dramma, ad introduzione del balletto.