Atletica: Grottammare veste il tricolore con la 10 km di marcia allievi


17 ottobre 2016 - 16:49
davide-marchesi-in-testa-alla-gara-allievi

 

Anche quest’anno la marcia ha emesso i suoi ultimi verdetti a Grottammare (Ascoli Piceno) con i Campionati italiani allievi della 10km su strada. Tra gli uomini si impone Davide Marchesi (Atletica Riccardi Milano 1946) in 45’20” (nella foto in alto mentre si trova in testa alla gara) e tra le donne Anthea Mirabello (Fiamme Gialle Simoni) (foto sotto) in 52’14”. Il bergamasco di Villa di Serio completa quindi la tripletta di titoli nazionali nella stagione in corso, dopo essersi aggiudicato quelli su pista (indoor e all’aperto). Stavolta il successo arriva al termine di una sfida combattuta, risolta con una bella progressione finale negli ultimi due chilometri, davanti ai pugliesi Alfonso Alberga (Atletica Acquaviva – 45’26”), già 2° sui 10.000 outdoor, e Nicolas Fanelli (Amatori Cisternino – 45’47”), che si era messo al collo l’argento in sala, poi Diego Chirivì (Cus Torino – 46’02”) e Riccardo Orsoni (Cus Parma – 46’27”). Diverso invece lo sviluppo della 10km femminile, con la 17enne di Cassino subito al comando insieme alla gemella Angelica Mirabello (Fiamme Gialle Simoni), seconda al traguardo in 52’25”. La vincitrice torna così sul gradino più alto del podio tricolore, raggiunto quest’anno anche nella rassegna al coperto. Terzo posto ad Alessia Mastronicola (Alteratletica Locorotondo/53:00), che precede l’altra pugliese Alessandra Lentini (Atletica Don Milani – 53’27”) e Chiara Cuni (Atletica Brescia 1950), 53’33”

anthea-mirabelloSOCIETARI – Organizzate dal Centro Marcia Solestà che ad Ascoli fa capo all’inossidabile Vincenzo Ferretti, si sono disputate inoltre le gare assolute sulla 20km valide come tappa finale del Campionato italiano di società. Presente come madrina dell’evento l’azzurra Antonella Palmisano, quarta alle recenti Olimpiadi di Rio in questa distanza. Al maschile prevale il ventenne Gianluca Picchiottino (Libertas Runners Livorno) con 1h29’17”, in una prova condizionata dal vento nella seconda parte, per avere la meglio su Giovanni Renò (Cus Parma – 1h30’57”) e Francesco Fortunato (Enterprise Sport&Service/Fiamme Gialle). Il due volte campione italiano assoluto in questa stagione (5.000 indoor e 10km su strada), dopo aver osservato un periodo di riposo nelle scorse settimane, onora l’impegno in 1h37’46”. Sulla 20km donne vince la promessa bergamasca Nicole Colombi (Atletica Brescia 1950) in 1h38’32” seguita dalla coetanea Diana Cacciotti (Acsi Italia Atletica – 1h39’49”) e da Adelaide Sansoni (Quercia Trentingrana – 1h42’33”). In azione sulla stessa distanza gli juniores: successo di Attilio Trapasso (Giovanile Catanzaro Lido – 1h34’30”) e della campionessa italiana di categoria Giada Ciabini (Toscana Atletica Empoli – 1h42’51”). Nelle classifiche di società, chiudono in testa Amatori Atletica Acquaviva (combinata uomini), Enterprise Sport&Service (seniores-promesse uomini), Atletica Firenze Marathon (juniores uomini), Atletica Brescia 1950 (combinata e seniores-promesse donne), Atletica Bergamo 1959 Creberg (juniores donne), Fiamme Gialle Simoni (allievi e allieve).

Antonella Palmisano, protagonista alle Olimpiadi di Rio e madrina d'eccezione a Grottammare

Antonella Palmisano, protagonista alle Olimpiadi di Rio e madrina d’eccezione a Grottammare

MASTER – Impegnati anche i master sulla 10km, valida come seconda e ultima fase della rassegna tricolore per club. Vittoria individuale di Antonio D’Orlando (Spectec Duferco Carispezia – SM45) con 51’21” su Luigi Paulini (SM45 – 51’48”) e Roberto Giamogante (SM50 – 53’28”), entrambi della Kronos Roma Quattro. Nella gara Over 35 emminile Valeria Pedetti (Libertas Cus Perugia – SF40) firma un notevole 51’18” davanti a Tatiana Zucconi (Italia Marathon Club – SF35 – 53’08”) e Raffaella Manfrè (Atletica Lonato-Lem Italia – SF40 – 56’37”). Nelle graduatorie master di società, gli uomini della Kronos Roma Quattro precedono Italia Marathon Club e Atletica Lonato-Lem Italia, mentre al femminile l’Italia Marathon Club si lascia alle spalle Track&Field Master Grosseto e Ortigia Marcia Siracusa.

Il sindaco Enrico Piergallini premia l'Atletica Bergamo 1959 Creberg

Il sindaco di Grottammare, Enrico Piergallini, premia l’Atletica Bergamo 1959 Creberg

TROFEI ORLINI – Il 45° Trofeo Serafino Orlini premia l’Atletica Bergamo 1959 Creberg, con le Fiamme Gialle Simoni ad aggiudicarsi invece l’11° Trofeo Simona Orlini dedicato alle categorie giovanili, in una manifestazione molto partecipata che ha visto complessivamente oltre 340 atleti iscritti. Nelle gare per i cadetti, primo posto nella 4km della campionessa italiana Angela Di Fabio (Tethys Chieti) con 20’48”. Invece la prova della 5km cadette vede il primo posto di Carmine Greco (Don Milani) in 25’13”. Tra i ragazzi, vittoria di Pietro Lomonaco (Ecosport Montescaglioso) sulla 3km in 15’30” e nella gara ragazze di Giulia Borzì (Etnatletica San Pietro Clarenza – 16’28”).

L'organizzatore Vincenzo Ferretti e il delegato del Coni Armando De Vincentis

L’organizzatore Vincenzo Ferretti e il delegato del Coni Armando De Vincentis

Per le Marche, 19° l’allievo sangiorgese Alessio Costantini (Tam) in 54’19”. Nella gara cadetti, in evidenza Alberto Concetti (Sangiorgese) 5° in 26’01”, poi 11° Alessandro Tanoni (Avis Macerata – 28’11”) e 14° Lorenzo Tasselli (Avis Macerata – 29’32”). Presenti fra gli altri, per il Comune di Grottammare il sindaco Enrico Piergallini e il delegato allo sport Manolo Olivieri, poi Armando De Vincentis delegato provinciale di Ascoli del Coni, gli organizzatori del Centro Marcia Solestà capitanati da Vincenzo Ferretti che si è avvalso della fondamentale collaborazione della Fondazione Simona Orlini Onlus che fa capo a Elisabetta Alessandrini Orlini.