Atletica: fari sul Palaindoor di Ancona per il week end degli Assoluti


15 febbraio 2017 - 18:42

E con questa fanno dieci. La città di Ancona si prepara nuovamente ad accogliere - per la decima volta dall'apertura del suo palaindoor - i Campionati Italiani Assoluti Indoor. Sabato 18 e domenica 19 febbraio l'appuntamento è con la massima rassegna tricolore in sala che attende nel capoluogo marchigiano 456 atleti-gara: 238 uomini e 218 donne.

Fari puntati (sabato, ore 15,50) sulla pedana del salto in lungo maschile. In gara il recordman italiano e argento mondiale 2007 Andrew Howe (Aeronautica) (nella foto insieme a Jacobs) che alla fine di gennaio, ad Ancona, è tornato ad atterrare a 7,89. Intanto, a far tremare il muro degli 8 metri ci ha già pensato Marcell Jacobs (Fiamme Oro) che, il 4 febbraio, sempre sotto il tetto del palas dorico ha messo a segno un salto da 8,07 che attualmente lo vede al secondo posto del ranking mondiale 2017. Quello tra i due lunghisti sarà anche un confronto tra le loro guide tecniche ovvero due star del triplo azzurro: il bronzo olimpico 2012 Fabrizio Donato e l'iridato indoor 2001 Paolo Camossi. Attenzione, però, perché scorrendo le liste nazionali 2017, la concorrenza non manca: il siciliano Filippo Randazzo (Fiamme Gialle, 7,86), il piemontese Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle, 7,81) e il campano Stefano Tremigliozzi (Aeronautica, 7,73) sono pronti a dare l'assalto al podio. Attenzione anche al triplo maschile dove l'oro europeo indoor 2013 Daniele Greco (Fiamme Oro) ha deciso di concedersi un break dagli allenamenti per un'incursione con rincorsa ridotta ad Ancona. Anche il rettilineo dello sprint (domenica, finale ore 16,20) promette scintille.

Tra gli uomini (iscritto anche Jacobs) sono attesi ai blocchi di partenza il primatista d'Italia e bronzo europeo 2013 Michael Tumi (Fiamme Oro), l'argento continentale 2009 Fabio Cerutti (Fiamme Gialle) e l'ex sciatore napoletano Massimiliano Ferraro (Riccardi Milano), leader nazionale stagionale con 6"60.

Tra le donne (domenica, finale ore 16,10) Gloria Hooper (Carabinieri) affronta la capolista Anna Bongiorni (Carabinieri, 7.32) e la pluricampionessa tricolore Audrey Alloh (Fiamme Azzurre). Da seguire anche i 400 metri femminili (domenica, finale ore 14,40) con le staffettiste azzurre Ayomide Folorunso (Fiamme Oro), Maria Enrica Spacca (Carabinieri), Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) e Chiara Bazzoni (Esercito) alle prese con tre emergenti come Lucia Pasquale (Brixia Atletica), Raphaela Lukudo (Esercito) e la giovanissima Rebecca Borga (Riviera del Brenta). Passerella di 3000 metri per la marciatrice Antonella Palmisano. Sabato (ore 14) la pugliese delle Fiamme Gialle tornerà al via di una competizione ufficiale dopo il quarto posto nella 20km a Rio 2016. Nel getto del peso maschile nuovo round tra i due allievi di Paolo Dal Soglio: il primatista italiano under 23 indoor Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro) e il campione in carica Daniele Secci (Fiamme Gialle).

Nella foto di Giancarlo Colombo/Fidal, un momento del'edizione dello scorso anno

GARE IN TV - Sarà possibile seguire le gare sabato 18 febbraio in differita dalle ore 19,15 alle 20,25 su RaiSport e domenica 19 febbraio in diretta dalle 14,30 alle 16,30 su RaiSport. Il resto della manifestazione sarà trasmesso in diretta streaming.

DUE MOMENTI SPECIALI - Domenica 19 febbraio alle 16,30 saranno conferiti riconoscimenti a tre tecnici. L'European Athletics Coaching Awards sarà assegnato a Marco Tamberi, padre e allenatore dell'altista Gianmarco Tamberi e a sua volta azzurro e recordman nazionale indoor della specialità negli anni '80. Il premio viene attribuito direttamente dalla EA a tutti i coach dei campioni europei come "Gimbo" che ad Amsterdam si è messo al collo la medaglia d'oro. Su proposta della Fidal, insigniti degli EA Member Federation Awards per meriti tecnici Maurizio Pratizzoli e Maria Chiara Milardi. L'emiliano è l'allenatore della vulcanica Ayomide Folorunso, quarta nei 400hs agli Europei e componente della 4x400 che alle Olimpiadi di Rio ha conquistato il sesto posto e il record italiano. Per lui quest'anno anche la soddisfazione del titolo europeo under 18 vinto da un'altra sua giovane allieva, Desola Oki nei 100hs. La 35enne reatina segue, invece, due specialisti del giro di pista come il primatista italiano assoluto Matteo Galvan e Maria Benedicta Chigbolu, anche lei staffettista della 4x400 azzurra da record. Sabato 18 febbraio, intorno alle 15:45, invece, è in programma la cerimonia di consegna delle medaglie degli Europei under 23 di Ostrava 2011 alle marciatrici azzurre Antonella Palmisano ed Eleonora Giorgi. Dopo la squalifica della vincitrice sul campo Tatyana Mineyeva, anche Nina Okhotnikova è stata fermata dall'antidoping. Il podio della rassegna continentale è stato così quindi riscritto per la seconda volta con l'oro alla spagnola Julia Takacs seguita dalle nostre Palmisano e Giorgi che riceveranno rispettivamente l'argento e il bronzo ad Ancona.