Ascoli-Pescara, le parole di Campagnaro: ”Il Del Duca è uno stadio caldo, ricordo dai tempi del Piacenza. Poi mi sono abituato a Napoli”

0
128

A 3 giorni dal big match Ascoli-Pescara, parla il difensore Hugo Campagnaro. L’argentino, è reduce da moltissime stagioni in Serie A, rispettivamente con Sampdoria Napoli ed Inter, e vanta ben 17 presenze in Nazionale.

Dopo tanti anni di Serie A, cosa ti ha spinto a scendere di categoria e a scegliere Pescara? In questo momento della mia carriera era la scelta migliore, progetto migliore, e mi piace la città, mi ricorda l’argentina”.


Il Pescara è una squadra che punta molto sui giovani e ha davvero molti ragazzi under. Tu che sei un classe ’80, quindi 35enne, ti senti pronto a prendere in mano questi ragazzi e a farli crescere?
”Sicuramente posso dare tanto con la mia esperienza, ne ho parlato con Oddo, parlo tanto con il mister e sono pronto a dare tutto quello che mi verrà chiesto a partire da consigli per i giovani”.


Sabato scorso avete battuto il Cagliari, la squadra che secondo gli addetti ai lavori è la favorita per la A avendo un organico di assoluto livello. Questa vittoria sposta un po’ più in alto i vostri obiettivi stagionali? ”Di sicuro vogliamo fare bene, dato anche il campionato importante che la squadra ha fatto lo scorso anno dove forse meritava qualcosa di più. Il campionato però è lungo dobbiamo solo cercare di fare sempre meglio”.

”Lo stadio è caldo, me lo ricordo…poi diciamo che mi sono abitutato a Napoli però…(ride)”.


Ormai sono 14 anni che giochi in Italia. Pensi che servano più squadre come il Pescara, che non ha paura di lanciare giocatori giovanissimi, per risollevare le sorti del calcio nostrano? Su quale giovane biancoazzurro scommetterebbe? ”Non mi va di parlare direttamente di un singolo…ne abbiamo tanti…forse Torreira e Mandragora su tutti. Il Pescara non è l’unica squadra che fa dei giovani una squadra, ma è ovvio che servono più ragazzi da lanciare per rendere più vivi i settori giovanili delle nazioni. I giovani sono sempre un bene!”.

AscoliLive.it