La Cna restaura “live” un Palio storico della Quintana: al via anche seminari, mostre e corsi “in pillole”

0
326

Un’officina di restauro “a cielo aperto” degli artigiani della Cna nel cuore di Ascoli Piceno. E’ questa una delle novità che l’Associazione propone in questa estate per rinvigorire e rendere ancora più stringente la già consolidata sinergia con il Comune di Ascoli e la Quintana. “Un gruppo di nostri artigiani del settore Artistico e del settore Restauro – spiega Barbara Tomassini, presidente provinciale di Cna Artistico e Tradizionale – lavorerà dal 7 luglio al 7 agosto per il restauro di uno dei palii storici della Quintana, quello realizzato da uno dei più insigni artisti cittadini, Dino Ferrari”.

L’idea innovativa, di valore artistico-culturale e promozionale, è stata quella di attrezzare il laboratorio di restauro in un ambiente fruibile da cittadini e turisti, nell’importante cornice di Sala Cola dell’Amatrice, dove il lavoro dei maestri artigiani e restauratori ha preso il via proprio oggi. Il coordinamento e la guida del restauro saranno affidati a Milko Morichetti, restauratore e dirigente della Cna di Macerata che ha svolto e svolge lavori di ripristino e conservazione nei più importanti siti d’arte italiani. “Abbiamo cominciato già da qualche settimana – spiega Morichetti – con sopralluoghi nella sede del sestiere in cui il palio è conservato, monitorando anche temperatura ed umidità al fine di evitare pericolosi shock all’opera. Una sfida difficile ma stimolante e resa ancora più complessa dall’utilizzo da parte dell’artista della tecnica dell’acrilico”.

Infine, nel mese di permanenza degli artigiani, la Cna organizzerà una serie di attività che avranno lo scopo di promuovere sia l’artigianato artistico che la città stessa. Fra le azioni previste l’esposizione di artigianato artistico e gioielli e laboratori di manualità. In programma anche corsi in “pillole” pensati per cittadini, visitatori e turisti, tenuti dai più tradizionali mestieri artigiani del territorio Piceno. “Questi mini corsi – specifica la Tomassini – contiamo di realizzarli in determinati giorni all’aperto, nel Chiostro di San Francesco, proprio per coinvolgere, e appassionare al mondo dell’arte e dell’artigianato, il maggior numero di visitatori”. A concludere il tutto seminari di approfondimento a tema Quintana (arte orafa, conservazione dei trofei storici…) e la cerimonia di consegna ai capi sestieri degli abiti delle dame ornati, come negli ultimi sei anni, dagli orafi della Cna; la consegna è prevista per il 26 luglio a Palazzo dei Capitani in occasione della presentazione della Quintana di agosto.