Iaconi, il doppio ex: “L’Ascoli è più solido del Brescia. Giusto rinnovare a Petrone, ha tutte le qualità per affermarsi”

1
158
cccc

Ivo Iaconi è il doppio ex di Ascoli-Brescia. Il tecnico abruzzese nel 2007-2008 ha allenato l’Ascoli nell’anno successivo alla retrocessione dalla Serie A. Lo scorso anno era sulla panchina dei lombardi fino all’esonero del 15 dicembre. Ad AscoliLive.it il tecnico racconta le sue impressioni sul momento del Picchio: “L’Ascoli l’ho visto giocare contro Lanciano ed Entella. E’ una squadra fatta all’ultimo momento, un cantiere aperto. In questo momento l’Ascoli è un’incognita ma sono arrivati giocatori di assoluto valore che se ritrovano una buona condizione incideranno molto in Serie B. La squadra migliorerà: Giorgi, Cacia, Antonini e Canini daranno un contributo decisivo. Dove può arrivare? L’Ascoli deve giocare libero di mente e deve salvarsi il più presto possibile. Poi nell’arco della stagione gli obiettivi possono crescere.

E’ arrivato il rinnovo di Petrone.
“Petrone non lo conosco bene, ho visto poche partite dell’Ascoli. Il suo è un curriculum importante. E’ un tecnico che ha tutte le qualità per affermarsi. La società ha fatto bene a rinforzare la sua posizione rinnovandogli il contratto. Lo ritengo un segnale importante”.

Che squadra è il Brescia?
“Il Brescia ha rinnovato moltissimo, è una squadra giovane. Roberto Boscaglia è un ottimo allenatore per la categoria. Non si conosce ancora la potenzialità del Brescia. Il pericolo maggiore è che hanno un organico ridotto all’osso”.

Un pronostico. Chi è il favorito domani?
“Il Brescia ha più sicurezza nel gioco, ha avuto più tempo per preparare la partita. Ma l’esperienza pesa. E l’Ascoli è solido, quindi lo vedo favorito per domani. Ho un ottimo ricordo di Ascoli, ho fatto bene al primo campionato di B dopo la retrocessione. A Brescia invece il mio lavoro non è stato completamente apprezzato, visto che oggi si ritrovano diversi giocatori importanti che ho lanciato io”.

AscoliLive.it