La caduta dell’impero americano, ultimo appuntamento con Muse al cinema

0
322

ASCOLI – Dopo il grande successo del primo capitolo che ha richiamato l’attenzione di oltre duecento persone grazie a Davide Calvaresi, dopo la viva partecipazione agli incontri che hanno avuto per protagonisti lo scrittore ed editore Giulio Perrone, la prof.ssa Erminia Tosti Luna, il prof. Stefano Papetti e il maestro Ada Gentile, torna Muse al cinema con il sesto e ultimo appuntamento. Questa volta il nucleo dell’incontro sarà il rapporto fra la filosofia e la produzione cinematografica. A guidare i presenti lungo un percorso tanto intrigante sarà Donatella Ferretti, insegnante di Storia e Filosofia presso il Liceo Classico “F. Stabili” nonché assessore alla Cultura di Ascoli Piceno. Nata nel corso di un incontro tutto al femminile, la rassegna Muse al cinema vuole proporre alla città di Ascoli Piceno una serie di eventi culturali e d’intrattenimento tesi fondamentalmente alla valorizzazione dei tanti talenti presenti sul territorio. Ina Komino di Nuovo Cineteatro Piceno, Valentina Falcioni di Pulchra Società Cooperativa Culturale, Eleonora Tassoni di Libreria Rinascita e Stefania Mistichelli di Radio Ascoli, infatti, hanno raccontato che l’obiettivo comune era creare “un mantello cangiante” in grado di avvolgere tutta la collettività ascolana attraverso l’intreccio di diversi linguaggi espressivi e creativi. Ascoli è una città culturalmente in fermento e dietro a Muse al cinema vi è il desiderio di far dialogare coloro che operano per lo sviluppo dell’identità storico-artistica del territorio. I sei appuntamenti della rassegna sono stati ideati grazie a Comune di Ascoli Piceno, Il Picchio Consorzio di Cooperative, Nuovo Cineteatro Piceno, Pulchra Società Cooperativa Culturale, Libreria Rinascita e Radio Ascoli in collaborazione con l’assessore alla cultura Donatella Ferretti, il professor Stefano Papetti, il m° Ada Gentile, la prof.ssa Erminia Tosti Luna, lo scrittore Giulio Perrone, il regista Davide Calvaresi, l’illustratrice Carlotta Paoletti e Ascoli Musei.
Il sesto e ultimo appuntamento estivo di Muse al Cinema avrà luogo venerdì 30 agosto. Alle ore 18.30 la prof.ssa Donatella Ferretti terrà presso la Libreria Rinascita di Ascoli Piceno una lectio magistralis sul rapporto fra la filosofia e la settima arte, il cinema. Non si tratta, come si può immaginare, di una relazione forzata poiché, come ha spiegato di recente Umberto Curi: “Il cinema non è solo oggetto d’intrattenimento, ma l’espressione più ricca dell’arte contemporanea. (…) È una cosa seria, serissima. Non vi è nulla di più filosofico, oggi, della settima arte. Gli antichi miti greci e latini sono l’esatto equivalente del cinema di oggi. Basta ricordare quello che dicevano Heidegger e Hölderlin. Togliendo dal piedistallo la filosofia intesa in senso canonico, come unica depositaria del sapere: “È il poeta che coglie la verità”. Pertanto “cinema e filosofia non rappresentano attività distinte, né ancor meno opposte l’una all’altra, visto che entrambe sono manifestazioni dell’attività del pensare, l’una mediante le immagini, l’altra attraverso i concetti”. Dopo un delizioso aperitivo, l’appuntamento proseguirà alle ore 21 presso il Nuovo Cineteatro Piceno, dove verrà proiettato l’ultimo film di Denys Arcand “La caduta dell’impero americano”.
La caduta dell’impero americano (2019, 127 minuti). “Il film diretto da Denys Arcand segue la storia di Pierre-Paul che a 36 anni, nonostante un dottorato in filosofia, deve lavorare come fattorino per tirar su uno stipendio appena decente. Un giorno, durante una consegna, si ritrova suo malgrado sulla scena di una rapina finita male, che lascia sull’asfalto due morti e altrettanti borsoni pieni di soldi. Cosa fare? Restare a mani vuote, o prenderli e scappare? Il dubbio dura una frazione di secondo, giusto il tempo di caricare il malloppo sul furgone. Ma i guai sono appena iniziati: sulle tracce del denaro scomparso, infatti, ci sono due agenti della polizia di Montreal ma soprattutto le gang più pericolose della città. Per uscire da un sogno che rischia di diventare un incubo, Pierre-Paul dovrà fare gioco di squadra con un team di improbabili complici: una escort che cita Racine, un ex galeotto appena uscito di prigione e un avvocato d’affari esperto di paradisi fiscali. Insieme, scopriranno che i soldi non danno la felicità… o forse sì? (Coming Soon)”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.