Luigi Di Maio ad Ascoli, il 90% delle richieste nel decreto Sblocca cantieri proviene dal cratere sismico

0
151
Luigi di Maio Facebook

ASCOLI – Il ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio oggi è arrivato ad Ascoli per il suo Continuare per Cambiare tour di sostegno ai candidati per le elezioni comunali ed europee del 26 maggio. Ha parlato di terremoto in primis, riferendo che nel decreto Sblocca cantieri stanno entrando circa il 90% delle richieste che sono venute da questo territorio, dai comitati, dalle associazioni, dagli amministratori per la ricostruzione post-sisma. Crede che il sottosegretario Vito Crimi, che ha la delega per le zone terremotate, abbia fatto un lavoro notevole.
Per il ministro, c’è sempre stata tanta paura nel derogare alle norme per cercare di fare tutto con le norme ordinarie per ricostruire qualcosa di straordinario, cioè un avvenimento sismico. Questa cosa non funziona, perché già le norme per l’ordinaria amministrazione non funzionano col codice degli appalti così com’è. Il governo ha scritto la legge anticorruzione a dicembre, fornendo più strumenti alle forze dell’ordine ed ha aggiunto che è per questo che le inchieste stanno scoppiando.
Di Maio ha evidenziato che questo governo deve andare avanti per cambiare l’Italia e l’Europa. Riguardo allo spread del 3%, ha detto che desidera far aumentare lo stipendio degli italiani con la legge sul salario minimo orario, non lo spread e si aspetta una risposta il prima possibile dalla Lega.