Monteprandone sostiene l’imprenditoria giovanile con un infopoint, domande da presentare entro il 23 ottobre

0
138
foto: Gianpietro Vallorani

MONTEPRANDONE (AP) – Il Comune di Monteprandone intende procedere all’appalto, mediante procedura negoziata del servizio di imprenditoria giovanile, infopoint e corsi di orientamento dell’importo a base di gara di € 13.008. Il progetto prevede interventi finalizzati a favorire l’imprenditoria giovanile e l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani del territorio. In particolare si vuole aprire uno sportello per 4 ore settimanali con personale di supporto amministrativo per 42 settimane all’anno e organizzare un corso di orientamento all’anno della durata di 25 ore con un docente e il supporto di un operatore. La durata del progetto è di 3 anni.
I soggetti che intendono essere invitati alla procedura negoziata dovranno manifestare il proprio interesse inviando la domanda di partecipazione, sottoscritta dal titolare/legale rappresentante/procuratore del concorrente e redatta utilizzando l’apposito schema presente sul sito del Comune www.monteprandone.gov.it, dove è presente anche il bando completo.
Le domande di partecipazione alla selezione, a pena di esclusione, devono pervenire solo ed esclusivamente mediante posta elettronica certificata (P.E.C.) inviata all’indirizzo comune.monteprandone@emarche.it, esclusivamente da un indirizzo P.E.C. del concorrente, entro il termine perentorio delle ore 13 del 23.10.2019.
“I giovani spesso hanno brillanti e innovative idee imprenditoriali ma non gli strumenti adeguati per realizzarle – spiega l’assessore alle attività produttive e lavoro Gianpietro Vallorani – con la creazione di un infopoint vogliamo offrire ad aspiranti imprenditori e imprenditrici del territorio uno spazio per ottenere informazioni, orientamento, formazione, assistenza, accompagnamento e supporto nel mondo del lavoro. L’attivazione di corsi di orientamento sarà indispensabile per accompagnare i futuri imprenditori nella spesso complessa rete di procedure burocratiche fatta di autorizzazioni comunali, sanitarie, requisiti professionali, iscrizione alla Camera di Commercio, necessarie per costituire, avviare e gestire un’impresa, oltre che assisterli nella valutazione delle possibilità di finanziamento sia pubbliche sia private esistenti a livello regionale, nazionale e comunitario”.