Il personaggio televisivo Cristiano Angelucci: “Ho lasciato Milano ed il mondo dello spettacolo per dedicarmi alla famiglia nella provincia di Ascoli”.

0
717

SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP) – Ha abbandonato le luci dei riflettori ed il pubblico televisivo per un altro pubblico, quello del suo ristorante, il Moretti, aperto a San Benedetto del Tronto assieme ad un amico della sua compagna, l’ascolana Elisa Panichi, da cui ha avuto una splendida bimba. Parliamo di Cristiano Angelucci, ex tronista del programma Mediaset Uomini e Donne e protagonista dei reality show La Talpa e Vero amore, che ha scelto di cambiare vita per amore della sua famiglia.

Dal mondo della televisione a quello della ristorazione. E’ solo l’amore ad averti spinto a tale cambiamento?
Si, quello per la mia compagna, della quale mi sono innamorato da subito e che sposerò a breve, e per nostra figlia: ho scelto di dedicarmi a loro al cento per cento. Continuo, saltuariamente, a partecipare come ospite ad alcune serate ma quella vita non mi appartiene più per questo sono andato via da Milano e mi sono trasferito a San Benedetto.

Ti manca quel mondo?
No, sto bene così sinceramente. Ho vissuto appieno tanti anni della mia vita partecipando a reality show e programmi televisivi. Mi sono goduto quel periodo fantastico ma, come in ogni cosa, esiste un inizio ed una fine, anche perché non sono più così giovane.. Nel momento in cui decidi di formare una famiglia devi necessariamente cambiare ritmi di vita e quelli che avevo io prima non erano compatibili.

C’è qualche altra esperienza professionale, in ambito televisivo, che avresti voluto fare e non hai fatto?
No, perché ho sempre pensato di aprire una mia attività, cosa poi realizzata, a differenza di altri miei colleghi che facevano spettacolo aspirando a ruoli maggiori dello stesso ambito; Francesco Arca, ad esempio, voleva diventare un attore ed ha studiato a questo scopo, raggiungendolo, cosa di cui sono enormemente contento.

Tornando indietro rifaresti lo stesso percorso?
Assolutamente si! Grazie a quel lavoro ho conosciuto delle persone stupende, come Maria De Filippi e molte altre, ma ora le mie priorità sono diverse.

Hai mantenuto contatti con alcune di loro?
Si, con molte, nonostante abbia perso il telefono e dunque tutti i numeri! Ad esempio l’ex tronista di Uomini e Donne Glauco Dolci è venuto a trovarmi qui nel mio locale poco fa; poi sento spesso Francesco Arca e ovviamente mia cognata Karina Cascella.

Ex cognata…
Per me resta e resterà sempre mia cognata in quanto madre di mio nipote. Con lei ho un rapporto stupendo, anche perché è, da tempi lontani, la mia migliore amica: ci sentiamo spesso, anche se ci vediamo meno perché lei vive a Milano.

Dunque tu, tuo fratello, tua cognata e molti tuoi amici appartenete tutti al mondo dello spettacolo, a differenza della tua compagna.
Esatto. La nostra relazione non è legata al contesto televisivo: ci siamo conosciuti in un locale a Milano e fin dal primo momento in cui ci siamo visti ci siamo uniti e mai più separati tanto che mi sono trasferito qui, nella sua terra.

Una terra vicina a quella tua di origine.
Si, è vero, essendo io abruzzese, precisamente di Pescara. Grazie a questa vicinanza geografica attualmente vedo i miei genitori molto più spesso rispetto al passato in cui tornavo a casa solo una volta l’anno, a Natale.

Quale, fra l’ambito dello spettacolo e quello della ristorazione, senti più tuo?
Tutti e due perché in entrambi sono a contatto con le persone. Avevo già gestito, tempo fa, un locale a Riccione ed ora, grazie al mio socio Raimondo, amico di lunga data della mia compagna, ho avuto la possibilità di iniziare questa nuova attività, portando avanti un progetto positivo non solo per me ma anche per San Benedetto. Penso che il segreto della felicità, a livello lavorativo, sia fare ciò che ci piace ed avere degli amici che ti vengono a trovare, sia da Pescara sia dalle Marche, rende questa attività ancora più piacevole per cui spero di continuare ad occuparmene al meglio, potenziandola al massimo.

Cosa auguri a tua figlia?
Io e la mia compagna ci auguriamo di darle una sorellina o un fratellino il prima possibile, portando avanti il nostro progetto matrimoniale. Riguardo l’ambito professionale, quando sarà grande sarà lei a decidere, non la condizionerò in alcun modo; posso solo augurarle il meglio, qualunque sia la strada che sceglierà.

Alessandra Addari