domenica, Maggio 28, 2023
HomeSpettacolo e GossipSting mette in guardia contro le canzoni create con l’AI mentre vince...

Sting mette in guardia contro le canzoni create con l’AI mentre vince un prestigioso premio musicale

Sting afferma che i musicisti si ritrovano ad affrontare “una battaglia” per difendere il loro lavoro contro l’ascesa di canzoni scritte dall’intelligenza artificiale.

“I mattoni della musica appartengono a noi, agli esseri umani”, ha detto alla BBC il noto cantante.

“Sarà una battaglia che dovremo combattere tutti nei prossimi due anni: difendere il nostro capitale umano contro l’IA”.

I suoi commenti arrivano dopo che un certo numero di canzoni ha utilizzato l’intelligenza artificiale per “clonare” la voce di artisti famosi.

A febbraio, il DJ David Guetta ha utilizzato la tecnologia per aggiungere la “voce” di Eminem a una delle sue tracce, mentre un finto duetto tra Drake e The Weeknd è diventato virale ad aprile.

Quest’ultimo è stato ritirato dai servizi di streaming dopo un reclamo per violazione del copyright da parte di Universal Music Group (UMG), che è anche l’etichetta che pubblica la musica di Sting.

“È simile al modo in cui guardo un film con CGI. Non mi impressiona affatto”, ha detto Sting.

“Mi annoio immediatamente quando vedo un’immagine generata al computer. Immagino che mi sentirò allo stesso modo riguardo all’intelligenza artificiale che fa musica.

“Forse per la musica dance elettronica funziona. Ma per le canzoni, sai, che esprimono emozioni, non credo che mi commuoverò.”

Sting: una carriera leggendaria senza intelligenza artificiale

Il musicista ha parlato in vista dei prestigiosi premi cantautori Ivor Novello del Regno Unito giovedì, dove gli sarà conferito il più alto riconoscimento dell’organizzazione.

Solo altre 23 persone sono diventate Ivor Academy Fellow con le leggende britanniche Paul McCartney, Kate Bush, Elton John e Annie Lennox tra gli altri premiati.

“Sembra qualcosa uscito dal Signore degli Anelli, vero? Una compagnia”, ha scherzato la star. “Ma è molto significativo per me vincere un premio per la scrittura di canzoni, perché è quello che ho messo sul mio passaporto: sono un cantautore”.

Il musicista nato nel nord-est ha iniziato la sua carriera come membro dei Police, prima di staccarsi come artista solista nel 1984.

“Volevo ricominciare”, ha detto della sua decisione di sciogliere la band al culmine della loro fama. “Quando sei in una band, deve avere un suono riconoscibile. Quindi, come cantautore, ero in trappola.

“C’era qualche rischio” nell’andare da solo, ha aggiunto, “ma non stavo rischiando la vita o altro. Non credo che nella musica si possa avere successo senza rischi”.

Nel corso della sua carriera, il musicista ha venduto più di 100 milioni di album e ha segnato successi globali come Message In A Bottle, Every Breath You Take, Fields Of Gold, Englishman In New York e Shape Of My Heart.

Ma ha detto che la prima volta che è entrato nella top 40, con Roxanne dei Police, è rimasto un momento clou della sua carriera.

“Ero nella mia cucina, su un’asse in cima a una scala, a dipingere il soffitto e avevo Radio One accesa. All’improvviso ho riconosciuto la canzone e sono letteralmente caduta dalla scala.

“Niente potrà mai battere la prima volta che ti ascolti alla radio. Dopodiché, sono solo rendimenti decrescenti.”

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli