venerdì, Settembre 29, 2023
HomeSpettacolo e GossipBen Affleck e Matt Damon: lo studio condanna il video della campagna...

Ben Affleck e Matt Damon: lo studio condanna il video della campagna di Donald Trump

La società di produzione di Matt Damon e Ben Affleck ha dichiarato di non aver acconsentito all’utilizzo del suo film in un nuovo video della campagna dell’ex presidente Donald Trump.

La clip, con una narrazione doppiata da Damon dal film Air, è stata pubblicata sulla piattaforma di social media di Trump, Truth Social.

L’audio è stato utilizzato su filmati di Trump da ragazzo e come presidente.

Ma lo studio ha affermato di non acconsentire o approvare il suo utilizzo per la campagna politica di Trump.

Lo studio ha dichiarato: “Qualsiasi utilizzo di materiale di Air da parte della campagna Trump in cui è richiesta l’approvazione o il consenso, non concediamo tale consenso”.

Il film, uscito all’inizio di quest’anno ma ambientato negli anni ’80, segue la storia della partnership rivoluzionaria tra la neonata divisione di basket di Nike e l’astro nascente Michael Jordan.

Insieme, il famoso giocatore di basket e il marchio sportivo hanno creato le sneaker Air Jordan di grande successo.

Ben Affleck e Matt Damon contro Donald Trump

Il film è stato prodotto dalla società Artists Equity di Damon e Affleck, costituita lo scorso anno con RedBird Capital.

“Non eravamo a conoscenza, non abbiamo acconsentito e non avalliamo o approviamo alcun filmato o audio di Air riproposto dalla campagna Trump come pubblicità politica o per qualsiasi altro uso”, ha affermato Artists Equity.

“Con la presente informiamo espressamente che in caso di utilizzo di materiale di Air da parte della campagna Trump in cui è richiesta l’approvazione o il consenso, non concediamo tale consenso”.

Trump e il suo team della campagna non hanno ancora risposto alla dichiarazione di Artists Equity.

Martedì Trump comparirà in tribunale a Miami per affrontare dozzine di accuse che lo accusano di conservare illegalmente informazioni riservate.

Potrebbe portare al primo procedimento penale contro un ex presidente degli Stati Uniti.

Trump contro le star di Hollywood

L’ex presidente Trump, che lo scorso anno ha dichiarato la sua candidatura per un secondo mandato presidenziale, ha ripetutamente negato ogni illecito.

Nel video della campagna, pubblicato durante il fine settimana, si può sentire Damon dire “i soldi possono comprarti quasi tutto”, con Trump sullo schermo.

Quindi passa a un’altra battuta presa dal film in cui il suo personaggio dice: “Non può comprarti l’immortalità … che devi guadagnare”.

Il suo personaggio continua: “Una volta che ti hanno costruito il più in alto possibile, ti demoliranno di nuovo… è lo schema più prevedibile, ti trasformiamo in qualcosa che non esiste e questo significa che tu deve essere quella cosa, tutto il giorno, tutti i giorni.

“E ti dirò la verità: verrai attaccato, tradito, smascherato e umiliato… e sopravviverai.”

Molte star di Hollywood hanno criticato le politiche di Trump quando era alla Casa Bianca. Alcuni musicisti che hanno anche chiesto che la loro musica non fosse utilizzata nei messaggi della campagna.

I Rolling Stones minacciarono azioni legali tre anni fa, mentre Neil Young fece causa all’allora presidente per aver usato le sue canzoni.

Anche Adele, REM, Brian May dei Queen, Elton John e Prince si sono opposti all’uso della loro musica da parte dell’ex presidente degli Stati Uniti.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli