Ascoli Picchio, Altinier scalpita per un posto da titolare

0
465
Cristian Altinier

Cristian Altinier

(AGENZIA FOTO SPOT)

Cristian Altinier sta trovando la giusta condizione fisica e mentale per poter dare all’Ascoli un apporto fondamentale nella vittoria delle partite. L’attaccante bianconero sta aspettando di trovare il top della forma. Ben sapendo che il vero Altinier, quello che tutti conoscono, verrà fuori presto in casacca bianconera. Magari sabato a Lucca dove potrebbe sostituire Perez alle prese con un piccolo problemino muscolare.

“Contro il Pisa non è stato facile, ma nel secondo tempo siamo andati meglio, abbiamo spinto. E io sono contento di aver creato con il mio ingresso un po’ di scompiglio. Siamo due prime punte, abbiamo creato più densità dentro l’area avversaria. Ho svariato spesso? Di solito non lo faccio. Diciamo che ci ho provato un po’, quasi per caso, ma di solito mi muovo più centralmente”.

Quindi Altinier preferisce giocare a due punte davanti? “Diciamo che il modulo a uno o due attaccanti comporta modi di giocare diversi ma altrettanto efficaci. Bisogna solo capire come si deve muovere la squadra, anche a seconda delle partite. Diciamo che sono sotto media, per ora. Purtroppo questa stagione per me è partita in ritardo e adesso sto recuperando. Sarebbe un’esagerazione dire che sto giocando un mio personale precampionato ma è quasi così: l’ultima partita dello scorso torneo l’avevo disputata a maggio. A parte quella fiducia che solo la partita ti può regalare, c’è anche l’occhio da ritrovare, la porta da sentire. Fisicamente sono quasi a posto dopo un mese e mezzo di allenamenti mi manca la tensione della gara, quella sì. A Savona ho giocato dall’inizio ed è andata meglio, entrare a partita iniziata è sempre un po’ più difficile. Ma non solo per me, per tutti. So che è così e, pur sbagliando qualcosa, devo andare avanti”.

Magari Altinier potrebbe segnare la sua prima rete in bianconero proprio a Lucca: “Io ci spero. Quello che è certo è che ci serve un altro colpaccio in trasferta ma anche il solo non perdere sarebbe importante. E’ un campionato dove è necessaria soprattutto continuità. La Reggiana in testa? Sicuramente vederla prima e da sola rappresenta più sorpresa della Spal”.

dal Messaggero – Maurizio Norcini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.