martedì, Maggio 21, 2024
HomeSpettacolo e GossipCillian Murphy racconta la perdita di peso per Oppenheimer: "non lo consiglio"

Cillian Murphy racconta la perdita di peso per Oppenheimer: “non lo consiglio”

Cillian Murphy si è dimagrito per interpretare il tormentato padre della bomba atomica, J. Robert Oppenheimer , nel prossimo pezzo in costume di Christopher Nolan.

Murphy, che ha saltato le cene del cast dell’ensemble secondo la co-protagonista Emily Blunt, ha rivelato a The Guardian che a volte si dimenticava completamente di mangiare.

“È come se fossi su questo fottuto treno che sta solo bombardando. È bang, bang, bang, bang. Dormi per qualche ora, ti alzi, sbattilo di nuovo”, ha detto Murphy della sua esibizione alla maratona. “Stavo correndo con un’energia pazzesca. Ho superato una soglia in cui non mi preoccupavo del cibo o altro. Ero così dentro, uno stato di iper qualcosa. Ma è stato bello perché il personaggio era così. Non ha mai mangiato”.

Murphy ha notato che il vero Oppenheimer è sopravvissuto grazie a “sigarette e pipe, si sarebbe alternato tra i due”, prima di morire di cancro nel 1967. Per interpretare lo scienziato di “Oppenheimer”, Murphy era determinato ad apparire simile allo scienziato il più possibile, con tanto di un “cappello da maiale e la pipa”.

Cillian Murphy in competizione contro sé stesso

“Diventi un po’ competitivo con te stesso, il che non è salutare”, ha detto Murphy. “Non lo consiglio.”

Senza rivelare quanto ha perso per il ruolo, Murphy ha aggiunto: “Non voglio che sia ‘Cillian ha perso x peso per la parte.'”

L’allume di “Batman Begins” ha dichiarato in una precedente intervista al New York Times: “Adoro recitare con il mio corpo e Oppenheimer aveva una fisicità e una silhouette molto distinte, che volevo ottenere bene. Ho dovuto perdere parecchio peso e abbiamo lavorato con il costume e la sartoria; era molto magro, quasi emaciato, viveva di martini e sigarette. Ha aggiunto: “Aveva questi occhi davvero luminosi e volevo dargli questo sguardo con gli occhi spalancati, quindi abbiamo lavorato molto sulla sua silhouette e sulle sue espressioni prima di iniziare”.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli