martedì, Maggio 21, 2024
HomeNewsEl Nino: arriva il rischio di caldo record in tutto il mondo

El Nino: arriva il rischio di caldo record in tutto il mondo

El Nino sta tornando e sta provocando già gravi danni. La temperatura media mondiale ha raggiunto un nuovo massimo lunedì 3 luglio, superando per la prima volta i 17 gradi Celsius.

I ricercatori statunitensi hanno affermato che il nuovo record è stato il più alto in qualsiasi record strumentale risalente alla fine del XIX secolo.

Gli scienziati ritengono che una combinazione di un evento meteorologico naturale noto come El Niño e le continue emissioni di anidride carbonica da parte dell’umanità stiano guidando il caldo.

Il mese scorso è stato anche confermato come il giugno più caldo del mondo mai registrato.

Gli scienziati dei Centri nazionali statunitensi per la previsione ambientale hanno affermato che la temperatura media mondiale ha raggiunto i 17,01°C il 3 luglio. Così, è stato infranto il precedente record di 16,92°C che si era attestato dall’agosto 2016.

Dall’inizio di quest’anno, i ricercatori sono preoccupati per l’aumento delle temperature sulla terraferma e in mare.

Il caldo primaverile record in Spagna e in molti paesi asiatici è stato seguito da ondate di caldo marino in luoghi che normalmente non le vedono, come il Mare del Nord.

El Nino: gli effetti nel mondo

Questa settimana la Cina ha continuato a subire un’ondata di caldo persistente. Ha raggiunto, infatti, temperature in alcuni punti superiori a 35°C. Ma anche gli Stati Uniti meridionali sono stati soggetti a condizioni soffocanti.

Il massimo di lunedì è il più caldo da quando sono iniziate le registrazioni del monitoraggio satellitare nel 1979. Gli esperti ritengono inoltre che sia il più alto da quando sono iniziate le registrazioni strumentali diffuse verso la fine del XIX secolo.

I ricercatori ritengono che il nuovo massimo globale sia una combinazione dell’evento naturale di El Niño e delle continue emissioni di anidride carbonica.

L’oscillazione meridionale di El Niño, o ENSO, come viene propriamente chiamata, ha tre diverse fasi: calda, fredda o neutra. È la fluttuazione più potente nel sistema climatico ovunque sulla Terra.

“La temperatura media globale dell’aria superficiale che raggiunge i 17°C per la prima volta da quando disponiamo di dati affidabili è una significativa pietra miliare simbolica nel nostro mondo in via di riscaldamento”, ha affermato il ricercatore climatico Leon Simons.

“Ora che sta iniziando la fase più calda di El Niño, possiamo aspettarci molti più record giornalieri, mensili e annuali nei prossimi 1,5 anni”.

La temperatura record di lunedì arriva quando il mese di giugno è stato confermato come il giugno più caldo mai registrato a livello mondiale. Le temperature medie in tutto il pianeta sono state di 1,46°C sopra la media nel periodo tra il 1850 e il 1900.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli