domenica, Giugno 23, 2024
HomeNewsErdogan trionfa alle elezioni in Turchia, ma lascia la nazione divisa

Erdogan trionfa alle elezioni in Turchia, ma lascia la nazione divisa

I sostenitori di Erdogan hanno festeggiato fino a tarda notte dopo che il presidente di lunga data della Turchia si è assicurato altri cinque anni al potere.

L’intera nazione ha vinto“, ha detto alla folla esultante fuori dal suo enorme palazzo ai confini di Ankara. Ma mai come negli ultimi anni la nazione è risultata divisa.

Erdogan confermato in Turchia, ma il Paese è spaccato

Erdogan ieri ha trionfato alle elezioni in Turchia dopo una lotta estenuante contro il suo rivale, Kemal Kilicdaroglu, ma è una vittoria segnata dalle polemiche.

Come riporta la BBC News, il leader dell’opposizione non ha concesso esplicitamente la vittoria. E, lamentandosi per “le elezioni più ingiuste degli ultimi anni“, ha affermato che il partito politico del presidente ha mobilitato tutti i mezzi dello Stato contro di lui.

Il presidente Erdogan ha concluso con poco più del 52% dei voti. Quasi la metà dell’elettorato in questo paese profondamente polarizzato, dunque, non ha appoggiato la sua visione autoritaria della Turchia.

Dall’altro lato, Kilicdaroglu non è stato all’altezza della campagna elettorale di Erdogan, anche se ha portato il presidente al secondo turno di ballottaggio per la prima volta da quando è stato eletto direttamente nel 2014.

Le dichiarazioni del presidente dopo la vittoria

Il presidente Erdogan ha sfruttato al massimo la sua vittoria, con un discorso iniziale ai sostenitori in cima a un autobus a Istanbul.

Ha fatto poi seguito, dopo il tramonto, un discorso dal balcone del suo palazzo a una folla adorante che contava 320.000 persone.

Non abbiamo vinto solo noi, ha vinto la Turchia“, ha dichiarato, definendola una delle elezioni più importanti della storia del Paese.

Ha schernito poi la sconfitta del suo avversario con le parole “Ciao, ciao, Kemal“, un canto che è stato ripreso anche dai suoi sostenitori ad Ankara.

Erdogan, in particolare, ha disprezzato l’aumento del numero di parlamentari da parte del principale partito di opposizione, nel voto parlamentare di due settimane prima.

Ha anche condannato le politiche pro-LGBT dell’alleanza di opposizione, che secondo lui erano in contrasto con la sua stessa attenzione per le famiglie.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli