lunedì, Dicembre 11, 2023
HomeNewsEthiopian Airlines in tribunale per l'accusa di bloccare i passeggeri di etnia...

Ethiopian Airlines in tribunale per l’accusa di bloccare i passeggeri di etnia Tigrina

I passeggeri accusano la compagnia aerea Ethiopian Airlines di rifiutarsi di vendere biglietti alle persone di questa minoranza etnica per volare dalla regione settentrionale di Tigray ad Addis Abeba.

La polemica sulla Ethiopian Airlines

Un’organizzazione della società civile ha intentato una causa legale contro Ethiopian Airlines, accusando la compagnia di proprietà statale di discriminare i Tigrini. Il processo, promosso da Human Rights First, un’ONG locale, afferma che la compagnia aerea impedisce ai “Tigrini dai 15 ai 60 anni” di acquistare biglietti per i voli dalla regione settentrionale di Tigray ad Addis Abeba, la capitale federale.

Si sostiene inoltre che l’azienda abbia aumentato i prezzi dei biglietti per questa rotta come forma di “sanzione collettiva” contro il popolo di Tigray.

Il gruppo afferma che ciò viola la costituzione dell’Etiopia, che contiene articoli che garantiscono l’uguaglianza tra i gruppi etnici e la libertà di movimento.

Il procedimento legale

“Discriminando tra i cittadini e limitando la loro libertà di movimento, l’imputato ha violato i loro diritti fondamentali e democratici”, afferma il documento legale della causa. “Queste accuse sono state presentate per costringere l’imputato a porre fine a tali violazioni”.

I Tigrini costituiscono circa 6 milioni della popolazione dell’Etiopia, che conta circa 120 milioni di abitanti. La loro regione di origine, Tigray, è stata al centro di una guerra civile nel 2020-2022, che ha causato la morte di centinaia di migliaia di persone e gravi abusi dei diritti umani diffusi.

Per gran parte del conflitto, Tigray è stata isolata dal resto dell’Etiopia, con interruzioni delle comunicazioni e dei collegamenti di trasporto. I voli tra Addis Abeba e le città di Shire e Mekelle, capitale regionale di Tigray, sono ripresi alla fine di dicembre dopo la firma di una tregua un mese prima.

Le testimonianze

Tuttavia, i Tigrini che cercano di viaggiare ad Addis Abeba sostengono di essere stati impediti di acquistare biglietti e di salire sui voli di Ethiopian Airlines. Mehret Okubay Berehe, 30 anni, afferma di essere stata bloccata dallo staff di Ethiopian Airlines nell’aeroporto di Alula Aba Nega di Mekelle all’inizio di gennaio, nonostante avesse un biglietto. Stava viaggiando ad Addis Abeba per cercare cure mediche per un problema agli occhi.

“Hanno detto: ‘non puoi viaggiare'”, ha detto. “Quando ho chiesto perché, mi hanno detto che era a causa della mia età.” Le è stato permesso di viaggiare solo dopo aver ottenuto una lettera dal suo medico qualche giorno dopo.

Berhe, un altro residente di Tigray, ha affermato di essere stato respinto dall’aeroporto mentre faceva la fila per acquistare un biglietto due settimane fa. È stato costretto a viaggiare invece ad Addis Abeba in autobus, un viaggio che ha richiesto due giorni a causa delle restrizioni di sicurezza lungo la rotta.

“Quando entri in aeroporto, ci sono agenti di sicurezza che hanno il diritto di selezionare la persona autorizzata all’acquisto del biglietto”, ha detto. “Mi hanno detto che non mi era permesso andare ad Addis; la ragione [data] era la mia età. Hanno detto che i biglietti sono solo per persone anziane o malate, o donne con bambini piccoli”.

Un ex dipendente di Ethiopian Airlines, che ha parlato a condizione di anonimato, ha riferito al Guardian che lo staff è stato informato a metà gennaio di non vendere biglietti a persone di età compresa tra 15 e 65 anni che viaggiavano da Tigray. Hanno detto che coloro che riescono a ottenere i biglietti lo fanno solo dopo approfonditi controlli di sicurezza che coinvolgono i servizi di intelligence.

Al personale è stato detto che ciò deriva dalle preoccupazioni di sicurezza del governo e da un potenziale esodo di giovani da Tigray, che sta vivendo una crisi umanitaria, secondo l’ex dipendente. “Sulla base della richiesta del governo, non serviamo persone di età compresa tra 15 e 65 anni”, hanno detto. Una email interna inviata da Girum Abebe, direttore vendite di Ethiopian Airlines per Addis Abeba, il 12 gennaio e vista dal Guardian, ha istruito i dipendenti a dire ai clienti che i posti sui voli da Tigray erano limitati a causa della “necessità di privilegiare i passeggeri bisognosi”.

“Questo non era vero”, ha detto l’ex dipendente. “I voli non sono pieni e ci sono posti disponibili.” È discriminazione ufficiale”, hanno aggiunto. “Se protesti su questa questione, ti sospendono automaticamente o ti licenziano”.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli