sabato, Maggio 18, 2024
HomeSportLa famiglia di Schumacher ha avviato un'azione legale dopo una finta intervista...

La famiglia di Schumacher ha avviato un’azione legale dopo una finta intervista generata con l’IA

La famiglia di Michael Schumacher sta pianificando un’azione legale contro una rivista che ha pubblicato un’intervista “generata dall’intelligenza artificiale” con l’ex pilota di Formula 1.

La vicenda

Schumacher, sette volte campione del mondo di F1, ha subito gravi lesioni alla testa in un incidente sciistico nel dicembre 2013 e non è stato visto in pubblico da allora.

Die Aktuelle ha pubblicato una foto sorridente di Schumacher, 54 anni, sulla copertina della sua ultima edizione con un titolo che recita “Michael Schumacher, la prima intervista”.

Una didascalia sotto recita “sembrava ingannevolmente reale”, e nell’articolo si scopre che le presunte citazioni erano state prodotte dall’IA.

La famiglia ha confermato all’agenzia di stampa Reuters che sta pianificando un’azione legale.

Le condizioni di Schumacher

Dopo il suo incidente sciistico, Schumacher è stato posto in coma farmacologico e portato a casa nel settembre 2014, con le sue condizioni mediche mantenute private dalla sua famiglia.

Il tedesco ha vinto due dei suoi titoli mondiali di F1 con la Benetton nel 1994 e nel 1995, mentre ne ha conquistati cinque consecutivi per la Ferrari dal 2000 al 2004.

I suoi sette titoli F1 sono un record condiviso con Lewis Hamilton, mentre Schumacher ha ottenuto 91 vittorie in carriera, un record superato da Hamilton nel 2020.

Inizialmente si era ritirato dalle corse nel 2006, ma era tornato nel 2010 prima di ritirarsi nuovamente due anni dopo.

La famiglia di Schumacher

Il figlio di Schumacher, Mick, ha guidato per la Haas in F1 e attualmente è pilota di riserva della Mercedes.

In un documentario Netflix del 2021, la moglie di Schumacher, Corinna, ha detto: “Viviamo insieme a casa. Facciamo terapia. Facciamo tutto il possibile per far stare meglio Michael e assicurarci che sia a suo agio, e per fargli sentire la nostra famiglia, il nostro legame.

“Stiamo cercando di andare avanti come famiglia, il modo in cui piaceva a Michael e piace ancora. E stiamo continuando le nostre vite. ‘Privato è privato’, come diceva sempre lui. È molto importante per me che possa continuare a godersi la sua vita privata il più possibile. Michael ci ha sempre protetto, e ora stiamo proteggendo Michael“.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli