sabato, Maggio 25, 2024
HomeMotoriIl futuro della F1: scadenza per le nuove domande di team. Dovrebbero...

Il futuro della F1: scadenza per le nuove domande di team. Dovrebbero esserci più vetture in griglia?

Il presidente della Formula 1, Stefano Domenicali, afferma che i nuovi team di F1 potenziali devono portare valore al campionato nel medio e lungo termine, essendo imminente la scadenza per le domande formali per unirsi alla griglia a partire dal 2025. Quale sarà il futuro della F1?

A febbraio la FIA, l’organo direttivo del settore, ha avviato un processo di domanda per consentire a nuovi team di cercare di unirsi alla Formula 1 nel 2025, 2026 – quando entrano in vigore le nuove norme sui motori – o nel 2027.

La Formula 1 attualmente ha 10 team ed è limitata a un massimo di 12 fino alla stagione 2025 inclusa dall’attuale Accordo di Concordia.

Le scadenze previste

La scadenza per la presentazione di domande formali è domenica, con l’obiettivo della FIA di prendere una decisione su eventuali candidati entro il 30 giugno.

Il miliardario di Hong Kong Calvin Lo ha dichiarato a Reuters di essere in trattative per investire in nuove possibili squadre, anche se ha escluso di far parte dell’offerta di Andretti e di un’altra offerta di Hitech Grand Prix.

Parlando delle nuove squadre potenziali al GP d’Australia, Domenicali ha detto a Sky Sports F1: “Alcune persone vorrebbero essere molto vocali, mentre altre meno.

“Il fatto che la F1 stia attirando nuove squadre e investitori dimostra lo status della F1 oggi. C’è un processo in atto che è aperto, chiunque può fare domanda, il primo passo è che la FIA farà un’analisi e il secondo sarà fatto dai titolari commerciali – ci sarà una discussione congiunta. Vedremo quale sarà l’esito.

“Non si tratta di opposizione (a più di 10 squadre). Non è un problema, è una cosa fantastica se porta valore al campionato nel medio-lungo termine. Questo è il punto che viene sempre sollevato quando parliamo di questo argomento.”

I membri delle 10 squadre attuali della F1 hanno suggerito che la tassa di 200 milioni di dollari (£161 milioni) che una nuova entrante dovrebbe pagare secondo le regole attuali non riconosce la grande crescita recente dello sport e le lascerebbe in una situazione peggiore. La tassa di 200 milioni di dollari vedrebbe ciascuna delle attuali squadre ricevere un pagamento una tantum di 20 milioni di dollari (£16 milioni).

Il capo della McLaren, Zak Brown, prevede che fino a quattro nuove squadre presenteranno domanda per unirsi alla griglia.

“Credo che sia emerso che tre o quattro squadre presenteranno domanda”, ha detto Brown all’Associated Press.

“Mi piacerebbe vedere la griglia espandersi con le giuste condizioni”.

È già stato confermato che Audi entrerà nella F1 nel 2026 dopo aver acquisito una quota in Sauber, che corre sotto il nome di Alfa Romeo dal 2019.

Nel frattempo Ford tornerà nella F1 dopo 22 anni di assenza nel 2026 in seguito alla partnership con i campioni costruttori in carica Red Bull.

Il futuro della F1: obiettivo delle 12 squadre

Gli esperti di Sky F1 Martin Brundle e Karun Chandhok credono che la Formula 1 debba lavorare per tornare a 12 squadre sulla griglia, a condizione che le nuove squadre siano credibili e sostenibili.

La F1 non ha avuto 12 squadre dal 2012 e le attuali 10 squadre compongono la griglia dal 2017.

“Penso che la F1 potrebbe fare molto bene ad avere 24 auto sulla griglia”, ha detto Brundle sul futuro della F1.

“Penso che ci servano ancora più storie e personaggi, quindi penso che la F1 debba lavorare per questo.

“Ma devono essere credibili e naturalmente i 10 incumbenti non vogliono che i loro valori di franchising o i loro premi vengano diluiti”.

Chandhok ritiene che le attuali 10 squadre non offrano abbastanza opportunità per i giovani piloti di progresso nella F1.

Ha detto: “Credo che dovremmo avere 12 squadre sulla griglia. Penso che ci sia un blocco per i piloti.”

“Sono irritato dal fatto che ci abbia voluto così tanto tempo per far entrare Oscar Piastri e Nyck de Vries in F1, Felipe Drugovich è sulla linea di partenza – questi sono tre buoni e credibili campioni di F2 che meritano tutti di laurearsi.

“E inoltre, se Red Bull, per esempio, decidesse di ritirarsi, si perderebbero due squadre, e poi cosa? Rimarresti con otto squadre, non è molto buono.

“Come sport dobbiamo solo assicurarci di non restare con troppo poche auto in griglia.

“Ecco perché sono un po’ sorpreso dalla posizione pubblica della F1 contro l’ingresso di Andretti-Cadillac. Andretti è un grande nome, General Motors è un grande costruttore da avere coinvolto, e allora se è solo un accordo di branding e stanno ricevendo supporto o in partnership con Alpine o Renault, e allora che importa?”

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli