martedì, Maggio 21, 2024
HomeNewsIl costo climatico dei tour musicali mondiali

Il costo climatico dei tour musicali mondiali

La Beyoncé-fever ha colpito Cardiff mercoledì, quando la cantante ha dato il via alla tappa britannica del suo tour mondiale. Ma qual è il costo climatico di questo tour?

La stravaganza dello show ha lasciato alcuni a rimuginare sui danni che l’evento e altri simili hanno sull’ambiente.

Il Formation tour di Beyoncé nel 2016 ha richiesto sette aerei da trasporto merci e 70 camion per portare il suo set sul palco e altre attrezzature nelle sedi di tutto il Regno Unito.

E questo non includeva lo staff del backstage, i musicisti, gli artisti e nemmeno la stessa Beyoncé.

Mercoledì circa 60.000 fan sono scesi a Cardiff, alcuni dei quali provenienti da tutto il mondo.

La stessa superstar è arrivata con un jet privato all’aeroporto di Cardiff poco dopo le 15:00 BST ed è tornata a Londra alle 23:00.

Nel frattempo circa 60 camion di produzione e 18 pullman si sono messi in fila fuori dal Cardiff City Stadium.

Uno spettatore ha twittato : “Mi preoccupo per il mio riciclaggio e qui ci sono tutti i camion di #Beyoncé parcheggiati a Cardiff… Per una notte! #ClimateEmergency #Carbon”.

Il costo climatico del world tour di Beyoncé

Il giornalista del settore musicale Eamonn Forde ha detto che un atto come Beyoncé viaggerebbe con un entourage considerevole che include personale di produzione, una band al completo, ballerini, che rappresentavano “centinaia di persone potenzialmente in viaggio”.

“Devi mettere in scena uno show spettacolare, e questo comporta un sacco di palcoscenici e molti schermi… tutta la messa in scena sarà occupata da un sacco di autoarticolati”, ha detto.

“E poi ci sono le persone che devono viaggiare lì.

“Ovviamente [esso] ha un impatto ambientale.”

Con molti giovani che provano una profonda ansia per il cambiamento climatico, qualcosa di tutto questo ha importanza per i fan di Beyoncé?

“Avrà un pubblico che si aspetta che le sue produzioni siano il più ecologiche possibile, ma poi stai anche parlando di uno dei più grandi artisti del mondo, e lei può semplicemente fare quando vuole, nel senso che la domanda sarà lì”, ha detto Eamonn.

“Molti fan da un lato diranno ‘Spero che lo spettacolo sia il più ecologico possibile’, ma forse saranno anche un po’ più flessibili quando si renderanno conto che questa potrebbe essere la loro unica possibilità di vedere Beyoncé per i prossimi cinque, 10 o comunque lunghi anni.

“Potrebbero in qualche modo mettere da parte la loro etica e la loro morale”.

Negli ultimi 15 anni l’ente di beneficenza Julie’s Bicycle ha lavorato per mobilitare l’industria affinché agisse contro la crisi climatica ed ecologica.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli