lunedì, Aprile 22, 2024
HomeSpettacolo e GossipIntelligenza Artificiale: Netflix promuove sviluppi AI da 900mila dollari durante lo sciopero...

Intelligenza Artificiale: Netflix promuove sviluppi AI da 900mila dollari durante lo sciopero di Hollywood

Netflix, il colosso streaming, è una delle cause principali dello sciopero di Hollywood. Ciononostante, tira dritto e rincara la dose investendo in nuovi progetti che vedono protagonista l’intelligenza artificiale.

Pare, infatti, che la piattaforma streaming avrebbe pubblicato un annuncio di lavoro per un esperto di intelligenza artificiale (AI).

La nuova posizione entrerebbe a far parte del suo team Machine Learning Platform. Questo guida l’algoritmo Netflix aiutando gli spettatori a scegliere nuovi programmi da guardare.

Paga fino a $ 900.000 (£ 700.000) all’anno, alimentando ulteriore indignazione.

I sindacati di Hollywood stanno scioperando per le preoccupazioni su come l’intelligenza artificiale influenzi l’industria dell’intrattenimento e la retribuzione.

L’annuncio di lavoro, che è stato riportato per la prima volta da The Intercept martedì, è uno dei tanti nella pagina dei lavori di Netflix. La piattaforma, infatti, è alla ricerca di candidati con esperienza in machine learning (ML) e AI.

Non è chiaro dall’annuncio di lavoro se il ruolo fornirà consigli sui contenuti: i programmi TV e i film in cui Netflix sceglie di investire.

Un altro annuncio aperto per un product manager nel team di Machine Learning Platform afferma che il futuro dipendente “raccoglierà feedback e comprenderà le esigenze degli utenti” e, in ultima analisi, aiuterà con le decisioni di investimento.

La descrizione sembra suggerire che il ruolo includerà l’uso dell’IA per valutare le esigenze di finanziamento per diversi programmi.

AI: la preoccupazione del sindacato degli attori

Questa è una preoccupazione fondamentale del sindacato che rappresenta gli attori, Sag-Aftra, che ha espresso i suoi timori che gli algoritmi abbiano troppo potere.

Fran Drescher di Sag-Aftra ha detto alla rivista Time che il singolare successo di qualsiasi film o programma televisivo è ora molto meno importante rispetto a quando la televisione era dominante.

“Gli algoritmi determinano quanti episodi deve essere una stagione prima di raggiungere un plateau di nuovi abbonati e quante stagioni deve essere una serie”, ha affermato.

“Ciò riduce il numero di episodi per stagione da sei a 10, e riduce il numero di stagioni a tre o quattro. Non puoi vivere di quello.

“Siamo sistematicamente espulsi dai nostri mezzi di sussistenza da un modello di business che ci è stato imposto, che ha creato una miriade di problemi per tutti su e giù per la scala”.

Intelligenza artificiale: la lotta di attori e sceneggiatori

La corporazione degli scrittori, WGA, ha proposto un sistema che regola l’uso dell’intelligenza artificiale nel processo di scrittura e impedisce che venga utilizzato come materiale di partenza.

Netflix ha rifiutato di commentare gli annunci di lavoro, ma in precedenza ha affermato che l’intelligenza artificiale non sostituirà il processo creativo.

“Le migliori storie sono originali, perspicaci e spesso provengono dalle esperienze delle persone”, ha affermato Netflix.

La notizia dell’ultimo annuncio di lavoro basato sull’intelligenza artificiale è stata condannata da alcuni attori. Questi, infatti, devono guadagnare $ 26.470 prima di poter beneficiare delle prestazioni dell’assicurazione sanitaria.

“Quindi $ 900.000 all’anno per soldato nel loro esercito di intelligenza artificiale senza Dio quando quella quantità di guadagni potrebbe qualificare trentacinque attori e le loro famiglie per l’assicurazione sanitaria Sag-Aftra è semplicemente macabro”, ha detto l’attore Rob Delaney a The Intercept.

Javier Grillo-Marxuach, meglio conosciuto per la serie Lost, ha accusato Netflix di “invocare la povertà mentre reclutava generali ben pagati per il tuo esercito senz’anima di plagiari di silicio”.

All’inizio di questa settimana, Netflix ha annunciato il lancio di una nuova app, My Netflix. La società la definisce “uno sportello unico su misura per te con scorciatoie facili per aiutarti a scegliere cosa vuoi guardare”.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli