mercoledì, Giugno 12, 2024
HomeNewsSam Altman, co-fondatore di ChatGPT, teme l’intelligenza artificiale: “l’IA va regolamentata”

Sam Altman, co-fondatore di ChatGPT, teme l’intelligenza artificiale: “l’IA va regolamentata”

Il creatore del chatbot avanzato ChatGPT, Sam Altman, CEO di OpenAI, la società dietro ChatGPT, ha invitato i legislatori statunitensi a regolamentare l’intelligenza artificiale (AI).

L’uomo ha testimoniato martedì davanti a una commissione del Senato degli Stati Uniti sulle possibilità – e le insidie – della nuova tecnologia.

Nel giro di pochi mesi sono entrati nel mercato diversi modelli di intelligenza artificiale.

Altman ha affermato che dovrebbe essere costituita una nuova agenzia per autorizzare le società di intelligenza artificiale.

ChatGPT e altri programmi simili possono creare risposte alle domande incredibilmente simili a quelle umane, ma possono anche essere estremamente imprecisi.

Sam Altman rivela le conseguenze dell’IA

Sam Altman, 38 anni, è diventato una sorta di portavoce della fiorente industria. Non ha evitato di affrontare le questioni etiche sollevate dall’IA e ha spinto per una maggiore regolamentazione.

Ha detto che l’intelligenza artificiale potrebbe essere grande quanto “la macchina da stampa”, ma ha riconosciuto i suoi potenziali pericoli. Infatti, ha anche ammesso l’impatto che l’intelligenza artificiale potrebbe avere sull’economia, inclusa la probabilità che la tecnologia dell’intelligenza artificiale possa sostituire alcuni posti di lavoro, portando a licenziamenti in determinati settori.

Tuttavia, alcuni senatori hanno sostenuto che erano necessarie nuove leggi per rendere più facile per le persone citare in giudizio OpenAI.

Altman ha detto ai legislatori di essere preoccupato per il potenziale impatto sulla democrazia e per come l’intelligenza artificiale potrebbe essere utilizzata per inviare disinformazione mirata durante le elezioni.

Sam Altman invita gli Stati Uniti a regolamentare l’intelligenza artificiale

Altman ha fornito diversi suggerimenti su come una nuova agenzia negli Stati Uniti potrebbe regolamentare il settore, inclusa la concessione e la revoca di permessi per le società di intelligenza artificiale.

Ha anche affermato che aziende come OpenAI dovrebbero essere controllate in modo indipendente.

Il senatore repubblicano Josh Hawley ha affermato che la tecnologia potrebbe essere rivoluzionaria, ma ha anche paragonato la nuova tecnologia all’invenzione della “bomba atomica”.

Il senatore democratico Richard Blumenthal ha osservato che un futuro dominato dall’intelligenza artificiale “non è necessariamente il futuro che vogliamo”.

“Dobbiamo massimizzare il bene rispetto al male. Il Congresso ha una scelta ora. Abbiamo avuto la stessa scelta quando abbiamo affrontato i social media. Non siamo riusciti a cogliere quel momento”, ha avvertito.

Ciò che era chiaro dalla testimonianza è che esiste un sostegno bipartisan per un nuovo organismo per regolamentare l’industria.

Tuttavia, la tecnologia si sta muovendo così velocemente che i legislatori si sono anche chiesti se un’agenzia del genere sarebbe in grado di tenere il passo.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli