sabato, Maggio 25, 2024
HomeSpettacolo e GossipSciopero attori e sceneggiatori di Hollywood verso la fine: a breve l'accordo

Sciopero attori e sceneggiatori di Hollywood verso la fine: a breve l’accordo

Lo sciopero degli attori e degli sceneggiatori di Hollywood ha bloccato l’industria cinematografica, e a pochi giorni dal diventare lo sciopero più lungo della storia del cinema, si sta giungendo ad un accordo.

Gli sceneggiatori negli Stati Uniti affermano di aver raggiunto un accordo provvisorio con i capi degli studios che potrebbe vederli porre fine a uno sciopero che dura da quasi cinque mesi.

La Writers Guild of America (WGA) ha affermato che è “eccezionale, con vantaggi e protezioni significativi per gli scrittori”. I membri della WGA devono ancora avere l’ultima parola.

Si tratta dello sciopero più lungo che ha colpito Hollywood negli ultimi decenni e ha bloccato la maggior parte della produzione cinematografica e televisiva.

Una controversia separata coinvolge gli attori, anch’essi in sciopero.

Lo sciopero iniziato il 2 maggio è costato all’economia californiana miliardi di dollari.

Ma come procedono le trattative?

Sciopero attori e sceneggiatori di Hollywood: le trattative con gli studios

La leadership della WGA e i membri del sindacato devono concordare un contratto triennale con l’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi prima di tornare al lavoro.

Il messaggio sull’accordo proposto diceva che i dettagli dovevano ancora essere finalizzati, e non era ancora stato annullato lo sciopero, ma “stiamo, da oggi, sospendendo il picchettaggio della WGA”.

La disputa ha bloccato molti dei programmi più importanti d’America: serie TV popolari e talk show a tarda notte. Oltre alle questioni legate alla retribuzione, gli autori temono l’impatto dell’intelligenza artificiale che potrebbe soppiantare i loro talenti.

Le trattative si sono interrotte anche sui livelli di personale e sui residui che gli scrittori ricevono per i popolari programmi in streaming. Si lamentano del fatto che quei residui sono solo una frazione dei guadagni che otterrebbero da uno spettacolo televisivo trasmesso.

Molte attività correlate sono state colpite, tra cui ristoratori, fornitori di costumi, falegnami e operatori cinematografici.

Nei giorni scorsi i vertici di Netflix, Disney, Universal e Warner Bros Discovery hanno partecipato personalmente alle trattative, che hanno dato nuovo slancio.

Gli attori sono in sciopero da metà luglio e sono rappresentati dal sindacato degli artisti SAG-AFTRA, composto da 160.000 persone.

Anche qualora si raggiungesse un accordo provvisorio, avrebbe comunque bisogno di essere ratificato dai membri della base prima che possa entrare in vigore. E anche dopo, senza un accordo con la SAG-AFTRA, che rappresenta circa 160.000 attori, la fine dello sciopero della WGA da sola non farebbe molto per riprendere le produzioni interrotte.

La WGA ha iniziato uno sciopero il 2 maggio, con l’interruzione del lavoro che ha raggiunto il suo 145esimo giorno sabato. Questo lo porta a due settimane dallo sciopero più lungo nella storia del sindacato, che durò 154 giorni nel 1988. Molte produzioni sono interrotte anche da prima dell’adesione della SAG-AFTR, in sciopero il 14 luglio.

Entrambe le parti hanno richieste simili. Chiedono, infatti, salari migliori, pagamenti residui dai servizi di streaming per il loro lavoro e tutele del lavoro contro l’uso dell’intelligenza artificiale.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli