domenica, Maggio 19, 2024
HomeSpettacolo e GossipSpider-Man: Across the Spider-Verse è "deludente"

Spider-Man: Across the Spider-Verse è “deludente”

Sembra che un nuovo film di Spider-Man sia uscito ogni anno negli ultimi due decenni. Ma Spider-Man: Into the Spider-Verse del 2018 sembra essere ancora il miglior prodotto. Una delle poche animazioni di supereroi per il grande schermo, è stata anche la prima a sfruttare l’idea di universi alternativi e l’unica a riprodurre la varietà di stili visivi e tecniche che puoi vedere sfogliando una pila di fumetti.

Alcune parti sembravano dipinte, altre disegnate a mano, altre sembravano stampate su carta scadente, complete dei punti Ben-Day che Roy Lichtenstein metteva nei suoi quadri. Il film è stato un punto di svolta: una stravaganza pop-art che ha portato il mezzo in luoghi nuovi e sorprendenti.

Eppure, cosa più impressionante di tutte, le numerose innovazioni erano legate alla storia sentita e ai personaggi adorabili.

Spider-Man: Across the Spider-Verse: trama e personaggi

La premessa era che un adolescente di Brooklyn, Miles Morales (doppiato da Shameik Moore), diventasse l’Uomo Ragno del suo universo, solo per scoprire che innumerevoli altri universi avevano innumerevoli equivalenti di lancio di ragnatele e arrampicata su muro, incluso il nostro vecchio amico Peter Parker (Jake Johnson), Gwen Stacy (Hailee Steinfeld), un maiale in stile Looney Tunes chiamato Spider-Ham (John Mulaney) e un minaccioso vigilante degli anni ’30, Spider-Man Noir (Nicolas Cage), che esisteva in bianco e nero. Il sequel, Spider-Man: Across the Spider-Verse, porta tutto oltre.

Questa volta, Miles incontra centinaia di Spider-People, come un punk londinese armato di chitarra (Daniel Kaluuya). Questo sembra sempre di essere su un poster strappato e fotocopiato, e un prepotente Spider-Man indiano (Karan Soni) da una realtà in cui Manhattan e Mumbai sono lo stesso posto.

Come prima, l’intelligenza e la maestria sono così sbalorditive da far sembrare i registi di ogni altra animazione come se non ci stessero provando. Ma forse Across the Spider-Verse ha troppe cose buone. Co-scritto dai suoi produttori, Phil Lord e Christopher Miller (The Lego Movie), il film si apre con un prologo che ruota attorno ai disaccordi di Gwen con il padre poliziotto (Shea Whigham) e alla sua battaglia con un Avvoltoio (Jorma Taccone) che ha svolazzato la sua strada nella sua realtà da un XVI secolo alternativo. Questa sezione va avanti troppo a lungo. Quindi, nell’universo di Miles, c’è una sequenza che ruota attorno ai suoi disaccordi con il padre poliziotto (Brian Tyree Henry). Ma c’è anche la sua battaglia con The Spot (Jason Schwartzman), un supercriminale inizialmente maldestro che impara come aprire i portali in altre dimensioni. Anche questa sezione va avanti troppo a lungo. Sia i litigi iperattivi che i discorsi sfacciati continuano ad andare bene dopo che hai capito il punto.

L’opinione dei fan e dei critici

I fanatici del ragno potrebbero non preoccuparsi di questa autoindulgenza: passeranno sicuramente ore a guardarlo e metterlo in pausa per catalogare tutte le molte allusioni a sei decenni di fumetti, cartoni animati, film live-action e videogiochi. Ma i non smanettoni possono essere perplessi. Mentre Into the Spider-Verse ha introdotto alcune concezioni futuristiche di fantascienza, era saldamente radicato nella vita di un adolescente travagliato di Brooklyn, mentre Across the Spider-Verse si appoggia all’artificialità del suo mondo: la sua preoccupazione centrale e postmoderna è come il multiverso sarà influenzato dalla rete intricata di varie narrazioni di Spider-Man. Se non ti capita di essere un supereroe dei fumetti che salta nell’universo, è difficile relazionarsi con qualcosa di tutto ciò.

Forse la leggera delusione era inevitabile. Come potrebbe un sequel essere rivoluzionario come Into the Spider-Verse? Inoltre, nei quattro anni e mezzo dall’uscita di quel film nel 2018, il concetto di azione con superpoteri in universi alternativi è stato esplorato in Spider-Man: No Way Home, Doctor Strange in the Multiverse of Madness , Teen Titans Go ! contro Teen Titans e il premio Oscar Everything Everywhere All At Once , quindi quello che una volta sembrava incredibilmente originale ora sembra troppo familiare. Ma il motivo principale per cui Across the Spider-Verse non è all’altezza del suo predecessore è semplice: non contiene Spider-Ham.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli