Ternana-Ascoli: mille tifosi e tanta voglia di vincere. Recupera Mignanelli ma restano a casa Mengoni, Addae e Baldini

0
621

di Bruno Ferretti

Sono trascorsi sei mesi dall’ultimo confronto diretto. Ascoli e Ternana si ritrovano di fronte domani (ore 15) per la decima di andata al “Liberati” per rinnovare il derby umbro-marchigiano sempre molto sentito da squadre e tifoserie. Tornando all’ultimo precedente del 18 maggio 2017, era decisivo per la Ternana che, perdendo al Del Duca, sarebbe retrocessa, mentre l’Ascoli si era salvato vincendo nel turno precedente a Bari (0-1, gol di Bianchi). I bianconeri chiusero in vantaggio 1-0 il primo tempo grazie ad un gol di testa del difensore Gigliotti. Nella ripresa, però, il Picchio si disunì, cominciò a commettere una serie di errori, anche banali, e la Ternana piuttosto facilmente riuscì a ribaltare il punteggio vincendo 1-2 con reti dei suoi sudamericani Avenatti e Falletti. Quest’ultimo favorito da un clamoroso errore del portiere Ragni, schierato al posto del titolare Lanni. I circa 1.000 tifosi ternani al seguito, uscirono dal “Del Duca” esultando per la salvezza conquistata proprio in extremis, mentre quelli di fede bianconera se ne andarono molto delusi, niente affatto convinti da quel secondo tempo così negativo.

Nella Ternana di questo campionato è cambiato tutto: proprietà (Bandecchi al posto di Longarini con Ranucci presidente)), allenatore (Pochesci al posto di Liverani) e quasi tutta la squadra (sono rimasti solo Defendi e Valjent perché avevano il contratto). Avenatti, Falletti e tutti altri sono andati via. Le due squadre navigano nei bassifondi della classifica divise da un solo punto: Ternana 10 come Brescia (sconfitto nel primo dei due anticipi), Spezia e Foggia. Un gradino sotto Ascoli e Pro Vercelli a quota 9, infine il fanalino di coda Cesena con 7 punti.

La squadra di Maresca e Fiorin (nella foto) è in serie positiva da quattro turni (una vittoria e tre pareggi) e vuole allungare la serie. Il Picchio punta molto sulla ritrovata vena realizzativa di Favilli (due gol al Venezia sabato scorso) ma anche sulla crescita generale della squadra soprattutto a centrocampo con un Carpani in gran forma e un Buzzegoli abile nell’organizzare il gioco (ma dovrebbe verticalizzare di più). E’ una partita difficile per l’Ascoli (che avrà il sostegno di quasi 1.000 tifosi) ma anche per la Ternana. Insomma un match aperto ad ogni risultato. Fra i 23 convocati non figurano Baldini, Addae e Mengoni, il primo infortunato e gli altri due entrambi con un piccolo al problema al ginocchio. Più il solito Perez che di fatto non fa più parte della squadra. Convocato il terzino sinistro Mignanelli per il quale si deciderà in extremis: se non ce la fa, gioca Pinto (l’alternativa è Cinaglia). A centrocampo, accanto ai conermati Buzzegoli e Carpani rientra Bianchi, mentre i tre davanti potrebbero essere Varela, Favilli e Clemenza, con D’Urso che dovrebbe partire dalla panchina per entrare durante la gara.

PROBABILI FORMAZIONI

TERNANA (4-2-3-1): Bleve; Valjent, Gasparetto, Signorini, Zanon; Defendi, Paolucci; Montalto, Tremolada, Carretta; Albadoro.

ASCOLI (4-3-3): Lanni; Mogos, Padella, Gigliotti, Mignanelli (Pinto); Carpani, Buzzegoli, Bianchi; Varela, Favilli, Clemenza.

ARBITRO: Nasca di Bari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.