domenica, Maggio 19, 2024
HomeNewsCovid: lo scienziato cinese afferma di non escludere perdite di laboratorio

Covid: lo scienziato cinese afferma di non escludere perdite di laboratorio

La possibilità che il virus Covid sia fuoriuscito da un laboratorio non dovrebbe essere esclusa, ha detto un ex importante scienziato del governo cinese.

In qualità di capo del Centro cinese per il controllo delle malattie (CDC), il prof. George Gao ha svolto un ruolo chiave nella risposta alla pandemia e negli sforzi per rintracciarne le origini.

Il governo cinese respinge qualsiasi suggerimento che la malattia possa aver avuto origine in un laboratorio di Wuhan.

Ma il Prof Gao è meno schietto.

In un’intervista per il podcast di BBC Radio 4 Fever: The Hunt for Covid’s Origin, lo scienziato Gao afferma: “Puoi sempre sospettare qualsiasi cosa. Questa è scienza. Non escludere nulla”.

Virologo e immunologo leader a livello mondiale, il professor Gao è ora vicepresidente della National Natural Science Foundation of China dopo essersi ritirato dal CDC lo scorso anno.

“Il governo ha organizzato qualcosa”, dice, ma aggiunge che non ha coinvolto il suo dipartimento, il China CDC.

Gli è stato chiesto di chiarire se ciò significasse che un altro ramo del governo ha effettuato una ricerca formale del WIV, uno dei migliori laboratori nazionali cinesi, noto per aver passato anni a studiare i coronavirus.

“Sì”, risponde, “quel laboratorio è stato ricontrollato dagli esperti del settore”.

È il primo riconoscimento del genere che ha avuto luogo una sorta di indagine ufficiale, ma mentre il prof. Gao afferma di non aver visto il risultato, ha “sentito” che il laboratorio ha ricevuto un certificato di buona salute.

“Penso che la loro conclusione sia che stanno seguendo tutti i protocolli. Non hanno riscontrato [alcun] illecito”.

Curiosità sul Covid e sulla sua origine

Il virus che causa il Covid, è quasi certo, un tempo proveniva dai pipistrelli.

Ma come ci sia arrivato dai pipistrelli è una questione molto più controversa, e fin dall’inizio c’erano due possibilità principali.

Uno è che il virus si è diffuso naturalmente dai pipistrelli agli esseri umani, forse attraverso altri animali. Molti scienziati affermano che il peso delle prove suggerisce che questo è lo scenario più probabile.

Ma altri scienziati affermano che non ci sono prove sufficienti per escludere la principale possibilità alternativa che il virus abbia infettato qualcuno coinvolto nella ricerca progettata per comprendere meglio la minaccia dei virus che emergono dalla natura.

Queste due alternative ora si trovano al centro di una situazione di stallo geopolitico, una massa vorticosa di teorie del complotto. Ma è anche un e uno dei dibattiti scientifici più politicizzati e tossici del nostro tempo.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli