domenica, Maggio 19, 2024
HomeCuriositàGli elefanti allo zoo amano la presenza umana: ecco la recente scopertta

Gli elefanti allo zoo amano la presenza umana: ecco la recente scopertta

Gli elefanti sembrano apprezzare la presenza dei visitatori allo zoo, secondo uno studio recente. Qual è la spiegazione a tutto ciò?

Gli elefanti amano gli umani?

La ricerca, che ha esaminato il comportamento di diverse specie animali, ha scoperto che alcune erano meno annoiate e più attive quando avevano visitatori umani.

Gli esperti di comportamento animale presso l’Università di Nottingham Trent e l’Università di Harper Adams hanno analizzato oltre 100 articoli di ricerca che esaminavano come i visitatori influenzassero il comportamento di più di 250 specie negli zoo.

Hanno scoperto che gli elefanti socializzavano di più tra loro durante i momenti di alimentazione pubblica, mentre dopo tali momenti erano più inclini a cercare cibo e meno inclini a essere inattivi.

Erano anche meno propensi a mostrare comportamenti ripetitivi, che spesso indicano noia, in presenza di molti visitatori.

Cosa dice la scienza

I visitatori hanno avuto un effetto simile su altre specie, tra cui pinguini, jaguar, orsi grizzly, orsi polari, ghepardi, serval, banteng, cacatua e cani delle praterie dalla coda nera.

La dott.ssa Samantha Ward, una scienziata del benessere degli animali allo zoo presso la Scuola di Animali, Rurali e Scienze Ambientali dell’Università di Nottingham Trent, ha dichiarato: “Alcune specie animali sono nate e cresciute negli zoo e quindi si sono probabilmente abituate alla presenza umana.

“I visitatori dello zoo sono spesso aspetti dell’ambiente di un animale dello zoo che gli animali non possono controllare e quindi possono essere stressanti, anche se alcune specie sembrano mostrare una buona adattabilità alle condizioni mutevoli dei visitatori.
“Possono esserci molte variazioni negli stimoli dei visitatori in termini del loro comportamento, del rumore che fanno e del modo in cui interagiscono con gli animali.

“Abbiamo identificato che le specie mostrano risposte diverse alle persone negli zoo: alcune si adattano bene, altre meno.”

Tra gli animali che non si adattano così bene c’erano uccelli non volatori, ungulati dispari e pari, marsupiali, struzzi, tuatara e ricci.
La dott.ssa Ellen Williams, una scienziata del benessere degli animali allo zoo presso l’Università di Harper Adams, ha dichiarato: “Abbiamo metodi solidi per misurare il benessere degli animali negli zoo.

“Le risposte degli animali sono attribuite a vari fattori e riconoscere quali possano essere è importante per migliorare il benessere.

“Negli elefanti e negli uccelli è stato incoraggiante vedere una riduzione di quei comportamenti ripetitivi a favore di qualcosa di più positivo in presenza di persone, anche se l’assenza di cambiamenti nella maggior parte delle specie è stata davvero positiva, perché suggerisce che la progettazione degli spazi sta cambiando per supportare meglio gli animali nel rispondere ai visitatori”.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli