domenica, Aprile 21, 2024
HomeSpettacolo e GossipIndiana Jones: Harrison Ford voleva un 'finale emotivo'

Indiana Jones: Harrison Ford voleva un ‘finale emotivo’

Ci si immagina di tutto quando un artista annuncia che sarà il suo “ultimo” progetto, ed è questo il caso di Indiana Jones. Ogni giorno viene chiesto a Harrison Ford viene se questa sarà davvero la sua ultima uscita indossando il cappello malconcio del leggendario avventuriero.

Ma l’attore è inequivocabile nella sua risposta.

“È il mio ultimo film”, dice. “E sono sempre stato ambizioso con questo film finale”.

Si potrebbe sostenere che il film, Indiana Jones e il quadrante del destino, il primo per il franchise da Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo del 2008, non fosse nemmeno necessario per concludere la serie, dal momento che Ford ha ormai 80 anni.

Ma l’attore afferma di aver voluto dare a questo amato personaggio “un finale emozionante” pur riconoscendo il passare del tempo.

“Facciamo questi film da 40 anni, non possiamo negare l’effetto dell’età sul personaggio, e volevo vederlo sviluppato in una storia complessa”, dice.

Indiana Jones: com’è l’ultimo film?

Il film fa una virtù dell’età del personaggio, mostrando il professore di archeologia che si lamenta mentre esegue acrobazie d’azione con la sua figlioccia Helena, interpretata da Phoebe Waller-Bridge, mentre la coppia insegue un antico quadrante che può alterare il corso della storia.

Il film è pieno di battute sul personaggio e presenta i più grandi nemici di Indiana Jones, i nazisti, guidati in questo film dall’attore danese ed ex cattivo di Bond Mads Mikkelsen.

Ma Ford insiste che non sarà tentato di tornare indietro: “Non ero così interessato a fare sempre la stessa cosa, volevo che questo personaggio avesse un finale emozionante.

“E sono così grato per il pubblico che abbiamo avuto, volevo solo assicurarmi che fossero soddisfatti e contenti dell’iterazione finale”.

Non è garantito: la prima mondiale del film al Festival di Cannes ha ricevuto recensioni tiepide dalla critica. La recensione della BBC all’epoca diceva che il film era “un deprimente promemoria di quanto fossero più vivaci le sue avventure passate”.

È anche il primo film della serie che non è diretto da Steven Spielberg, anche se rimane un produttore esecutivo.

Ma il fattore nostalgia potrebbe ancora essere un potente richiamo per il pubblico. Coloro che ricordano la trilogia degli anni ’80 – I predatori dell’arca perduta, Indiana Jones e il tempio maledetto e Indiana Jones e l’ultima crociata includono Mikkelsen, che dice: “Chiunque io conosca mi avrebbe ucciso se avessi rifiutato.

“L’ho visto per la prima volta quando avevo 15 anni. Ed è stata una grande ispirazione per me in termini di recitazione, ma anche per molti miei colleghi, molti registi”.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli