domenica, Giugno 23, 2024
HomeNewsOlimpiadi di Parigi 2024: sorveglianza gestita da AI?

Olimpiadi di Parigi 2024: sorveglianza gestita da AI?

Per le Olimpiadi di Parigi 2024 potrebbe essere usata l’intelligenza artificiale per sorvegliare le strade e la sicurezza?

Bagagli abbandonati e folle inaspettate: le telecamere in tempo reale utilizzeranno l’intelligenza artificiale (AI) per rilevare attività sospette per le strade di Parigi durante le Olimpiadi della prossima estate. Ma i gruppi per i diritti civili affermano che la tecnologia è una minaccia per le libertà civili, come riporta Hugh Schofield della BBC.

“Non siamo la Cina; non vogliamo essere il Grande Fratello”, afferma François Mattens, la cui società di intelligenza artificiale con sede a Parigi sta facendo un’offerta per parte del contratto di videosorveglianza delle Olimpiadi.

In base a una recente legge, la polizia sarà in grado di utilizzare algoritmi CCTV per rilevare anomalie come assembramenti di folla, risse o borse incustodite.

La legge esclude esplicitamente l’utilizzo della tecnologia di riconoscimento facciale, adottata ad esempio dalla Cina, per rintracciare individui “sospetti”.

Ma gli avversari dicono che è un’estremità sottile del cuneo. Anche se il periodo sperimentale concesso dalla legge termina a marzo 2025, temono che il vero obiettivo del governo francese sia quello di rendere permanenti le nuove disposizioni sulla sicurezza.

Olimpiadi di Parigi: le preoccupazioni

“Lo abbiamo già visto in precedenti Olimpiadi come in Giappone, Brasile e Grecia. Quelle che dovevano essere disposizioni di sicurezza speciali per le circostanze speciali dei giochi, hanno finito per essere normalizzate”, afferma Noémie Levain, della campagna per i diritti digitali gruppo La Quadrature du Net (Quadrare la tela).

Una versione del nuovo sistema di sicurezza AI è già in atto in alcune stazioni di polizia in Francia. Uno dei pionieri è il sobborgo di Massy, ​​nel sud di Parigi.

“In giro per la città abbiamo 250 telecamere di sicurezza, troppe per essere monitorate dal nostro team di quattro persone”, afferma il sindaco di Massy, ​​Nicolas Samsoen.

“Quindi il dispositivo AI monitora tutte le telecamere. E quando vede qualcosa a cui è stato detto di prestare attenzione, come un improvviso raggruppamento di persone, lancia un avviso.

“Spetta poi agli umani – i poliziotti – esaminare la situazione e vedere quale dovrebbe essere l’azione appropriata. Forse è qualcosa di grave, forse no.

“La cosa importante è che sono gli umani a prendere la decisione finale su come reagire, non il computer. L’algoritmo sta dando potere agli umani.

Per prova, abbiamo abbandonato un bagaglio per strada non lontano dalla stazione di polizia. Trenta secondi dopo è scattato l’allarme e sullo schermo della sala di controllo sono apparse le riprese delle telecamere a circuito chiuso della valigia.

In precedenza, ovviamente, all’algoritmo doveva essere insegnato come appare un bagaglio abbandonato, ed è qui che entra in gioco l’intelligenza artificiale. Gli sviluppatori hanno fornito al programma un’enorme banca di immagini diverse di borse solitarie per strada, una banca che continua crescere man mano che si accumulano più immagini.

Fondamentalmente, però, questo processo di “apprendimento” non avviene nell’interfaccia client ma solo nel “back-office” presso gli sviluppatori. La stazione di polizia di Massy ha acquistato un prodotto autonomo che monitora le telecamere, ma non può acquisire nuove conoscenze.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli