domenica, Maggio 19, 2024
HomeNewsSottotitolazione dei contenuti in streaming: un mercato in grande aumento

Sottotitolazione dei contenuti in streaming: un mercato in grande aumento

Perché la sottotitolazione nell’era dello streaming è un grande affare in mezzo al boom dei contenuti? L’affinità della Gen Z alla visione di contenuti con didascalie e la natura sempre più globale dello streaming stanno creando un enorme mercato per i trascrittori, riferisce The Hollywood Reporter.

Aumenta il mercato della sottotitolazione nell’era dello streaming

Mentre i sottotitoli erano una volta un servizio di nicchia utilizzato principalmente da spettatori con problemi di udito, ora hanno visto un’esplosione nell’era dello streaming.

L’ente di beneficenza guidato dai non udenti Stagetext ha rilevato, in un sondaggio del 2021, che l’80% degli intervistati tra i 18 ei 24 anni utilizza i sottotitoli per parte o per tutto il tempo quando guarda la TV su qualsiasi dispositivo.

In particolare, solo il 10% degli intervistati era sordo o con problemi di udito. E ha anche rilevato che solo il 23% di coloro che rientrano nella fascia di età 56-75 utilizza i sottotitoli, nonostante un tasso più elevato di perdita dell’udito.

Questo cambiamento culturale è dovuto al fatto che ormai sono più numerosi che mai i contenuti da guardare, in particolare quelli trasmessi in streaming in tutto il mondo.

Ciò ha creato un compito enorme per le società dietro i sottotitoli di film e TV. “Tutto è cambiato negli ultimi 10 anni“, afferma Heather York, vp marketing e affari governativi per Vitac, la più grande società di sottotitoli del Nord America.

Come si muove il mercato della sottotitolazione e della trascrizione

La sottotitolazione dei contenuti in streaming è dunque un mercato in grande e costante aumento. Gli studi di produzione raramente hanno i propri sottotitoli interni, quindi esternalizzano il lavoro a società di terze parti, alimentando un mercato dei servizi di sottotitoli negli Stati Uniti del valore di quasi $170 milioni.

Alcuni studi di produzione sono pratici nel processo di sottotitolazione, altri invece chiedono ai produttori di fornire loro i contenuti con i sottotitoli già completi.

E mentre solo alcune delle principali società di sottotitoli di Hollywood ha dipendenti altamente qualificati nel personale, l’industria in questi giorni è composta principalmente da freelance in tutto il mondo.

Aziende come Rev, società americana che fornisce sottotitoli e servizi di trascrizione, stanno guidando questa carica, con 70.000-75.000 liberi professionisti internazionali che svolgono attivamente lavori di trascrizione ogni anno.

Chiunque può fare domanda, con la forza lavoro che va da “studenti universitari a genitori casalinghi o persone che sono nel settore da anni, fino ai pensionati“, afferma Pat Krouse, Rev vp operations.

Dà a tutti la flessibilità di entrare e dire: ‘Voglio solo fare questo per un po’ di denaro da spendere che arrotonda il mio reddito, e farò solo alcuni lavori finché non raggiungo quel numero’“. Di contro, afferma Krouse, “ce ne sono altri che dicono: ‘Sono davvero bravo in questo e voglio trattarlo come un lavoro a tempo pieno, ma in cui sono il capo di me stesso’”.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli