sabato, Maggio 18, 2024
HomeNewsTwitter minaccia azioni legali contro la nuova rivale Threads

Twitter minaccia azioni legali contro la nuova rivale Threads

Threads è stata lanciata ufficialmente da meno di una settimana, ma arrivano già minacce da parte di Twitter di compiere azioni legali.

La piattaforma di Musk sta, quindi, prendendo in considerazione un’azione legale contro Meta per la sua app rivale in rapida crescita Threads.

Threads, che è stato lanciato a milioni mercoledì, è simile alla famosa app ed è stato presentato dai capi di Meta come un’alternativa “amichevole”.

Elon Musk di Twitter ha affermato che “la concorrenza va bene, imbrogliare no”. Ma Meta ha negato le affermazioni in una lettera legale. In questa lettera scrive che l’ex staff di Twitter ha contribuito a creare Thread.

Più di 30 milioni di persone si sono iscritte alla nuova app, secondo Meta.

L’aspetto e la sensazione di Threads sono simili a quelli di Twitter, ha osservato il giornalista tecnologico di BBC News James Clayton. Ha detto che il feed delle notizie e la ripubblicazione erano “incredibilmente familiari”.

In una mossa riportata per la prima volta dal notiziario Semafor, mercoledì l’avvocato dell’app del cinguettio Alex Spiro ha inviato una lettera al CEO di Meta Mark Zuckerberg. Nella lettera accusa Meta di “appropriazione indebita sistematica, intenzionale e illegale dei segreti commerciali di Twitter e di altre proprietà intellettuali” per creare Thread.

Twitter vs Threads: le prime questioni legali

Nello specifico, Spiro ha affermato che Meta aveva assunto dozzine di ex dipendenti del “cinguettio”. Questi “avevano e continuano ad avere accesso ai segreti commerciali di Twitter e ad altre informazioni altamente riservate” che alla fine hanno aiutato Meta a sviluppare quella che ha definito l’app Threads “copycat”.

“Twitter intende far rispettare rigorosamente i propri diritti di proprietà intellettuale e chiede a Meta di adottare misure immediate per interrompere l’utilizzo di segreti commerciali di Twitter o altre informazioni altamente riservate”, afferma la lettera.

“Twitter si riserva tutti i diritti, incluso, ma non limitato a, il diritto di richiedere sia rimedi civili che provvedimenti ingiuntivi senza ulteriore avviso”.

Musk ha affermato che “la concorrenza va bene, barare no” in risposta a un post che faceva riferimento alla lettera legale.

Su Threads, il portavoce di Meta Andy Stone ha postato che “nessuno nel team di ingegneri di Threads è un ex dipendente di Twitter – non è proprio una cosa”.

Quando è stato lanciato in 100 paesi, Zuckerberg ha rotto più di 11 anni di silenzio sulla piattaforma di Musk. Ha, infatti, pubblicato un meme di due figure di Spider-Man quasi identiche che si indicano l’una verso l’altra, indicando una situazione di stallo.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli