sabato, Maggio 18, 2024
HomePersonaggiBeyoncé: vita, carriera, successi musicali e cinematografici

Beyoncé: vita, carriera, successi musicali e cinematografici

Beyoncé, nome di battesimo Beyoncé Giselle Knowles, (nata il 4 settembre 1981 a Houston, Texas, Stati Uniti), è una cantautrice e attrice americana che ha raggiunto la fama alla fine degli anni ’90 come cantante leader del gruppo R&B Destiny’s Child per poi lanciare una carriera solista di enorme successo. Ha vinto ben 32 Grammy Awards, un record.

Destiny’s Child

All’età di nove anni, Beyoncé ha formato il gruppo musicale di ragazze che cantano e fanno rap Destiny’s Child (originariamente chiamato Girl’s Tyme) nel 1990 con amiche d’infanzia. Nel 1992, il gruppo ha perso al talent show televisivo Star Search, e tre anni dopo è stato lasciato da un contratto discografico prima che venisse pubblicato un album. Nel 1997 le fortune di Destiny’s Child si sono invertite con un contratto discografico con la Columbia e poi con un omonimo album d’esordio che ha prodotto il singolo di successo “No, No, No Part 2.” Il loro album successivo, The Writing’s on the Wall (1999), ha guadagnato al gruppo due premi Grammy e ha venduto più di otto milioni di copie negli Stati Uniti. Survivor (2001), il terzo album del gruppo, ha raggiunto la prima posizione nella classifica Billboard 200.

Beyoncè: carriera solista e il ritorno delle Destiny’s Child

Beyoncé era chiaramente la leader del gruppo e scrisse hit come la piccante “Bootylicious” per le Destiny’s Child. Alla fine, il gruppo si divise per perseguire progetti individuali. Usò il suo talento di songwriter per scrivere il suo primo album da solista, “Dangerously in Love” (2003). L’album debuttò con recensioni entusiaste e, aiutato dal singolo esuberante “Crazy in Love”, che vedeva la partecipazione del rapper Jay-Z, arrivò in cima alle classifiche in tutto il mondo. Nel 2004 Beyoncé vinse cinque Grammy, tra cui miglior album R&B contemporaneo e miglior performance femminile R&B.

Le Destiny’s Child si riunirono nel 2004 per pubblicare “Destiny Fulfilled”. Sebbene generalmente meno acclamato rispetto ai loro sforzi precedenti, l’album vendette oltre sette milioni di copie in tutto il mondo e generò diversi singoli di successo. Il trio intraprese un tour mondiale nel 2005, durante il quale annunciarono ufficialmente lo scioglimento del gruppo. Lo stesso anno pubblicarono “#1’s”, una raccolta di brani famosi e hit numero uno.

B’Day, I Am…Sasha Fierce, 4, and Beyoncé

Nel 2006, Beyoncé ha pubblicato il suo secondo album in studio da solista, B’Day, che ha visto la collaborazione di diverse coproduzioni, tra cui il duo di successo The Neptunes. Sebbene gran parte dell’album richiamasse l’atmosfera funk degli anni ’70, la ballata pop “Irreplaceable” è diventata il singolo di maggior successo.
Nel 2008, lei e Jay-Z si sono sposati, diventando così una delle coppie più ricche nell’industria dell’intrattenimento. Più tardi nello stesso anno, Beyoncé ha pubblicato il doppio album I Am…Sasha Fierce. La prima parte (I Am) era incentrata su una mood introspettiva, mentre la seconda (Sasha Fierce) conteneva canzoni più adatte alla pista da ballo. L’album nel suo insieme ha generato molti successi, tra cui l’assertiva “Single Ladies (Put a Ring on It)”, contribuendo alla dominanza di Beyoncé ai Grammy Awards del 2010. Le sue sei premiazioni, tra cui canzone dell’anno, miglior performance vocale pop femminile e miglior album R&B contemporaneo, sono state il maggior numero di premi Grammy vinti in una sola notte da un’artista femminile.

Pochi giorni dopo una trionfale esibizione come headliner al Glastonbury Festival in Inghilterra, Beyoncé ha pubblicato 4 (2011), un misto di ballad e brani dance che evocavano influenze che spaziavano dalle canzoni d’amore dell’era Motown ai collage musicali del rapper M.I.A..
All’inizio del 2013, le Destiny’s Child si sono riunite per un’apparizione durante l’intervallo del Super Bowl e hanno pubblicato una nuova canzone, “Nuclear”. Poco dopo, Beyoncé ha vinto un Grammy per il suo singolo “Love on Top”. È tornata più tardi nello stesso anno, con l’album auto intitolato “Beyoncé”, che vantava la collaborazione di produttori di marca e artisti come, tra gli altri, l’autrice nigeriana Chimamanda Ngozi Adichie e la figlia di Beyoncé, Blue Ivy. Il disco, inizialmente offerto esclusivamente su iTunes, è stato promosso come un “album visivo”, con video musicali realizzati per accompagnare ogni traccia. Il singolo “Drunk in Love”, che ha visto la collaborazione di Jay-Z, ha vinto diversi Grammy, tra cui il premio per la migliore canzone R&B.

Lemonade, the Carters, Homecoming, and act I: RENAISSANCE

Su Lemonade (2016), un album espansivo e musicalmente variegato, Beyoncé si è concentrata sui temi del tradimento e della perseveranza. Concetto come un altro album visivo, ha debuttato come uno speciale televisivo HBO. Lemonade ha suscitato notevoli acclamazioni, e le ha valso due Grammy, tra cui il premio per il miglior video musicale per l’inno “Formation”.
Nel 2018 Beyoncé e Jay-Z hanno pubblicato un album collaborativo, Everything Is Love, accreditato come I Carter, e ha vinto il Grammy per il miglior album urbano contemporaneo. Lo stesso anno Beyoncé è diventata la prima donna nera a essere il headliner del Coachella Valley Festival di Indio, California. La sua performance molto acclamata è stata oggetto di Homecoming, un documentario Netflix e un album dal vivo pubblicato nel 2019. Anche se Beyoncé ha lavorato su diversi progetti tra gli album in studio, i fan sono rimasti in attesa di un nuovo album da solista. Nel 2022 ha finalmente pubblicato act I: RENAISSANCE.
Ha ricevuto quattro Grammy, tra cui il miglior album di musica dance / elettronica, e con questi premi, Beyoncé ha superato Georg Solti per il maggior numero di vittorie ai Grammy (32).

Beyoncè: carriera di attrice e colonne sonore

Nel 2001 Beyoncé fece il suo debutto cinematografico nel film televisivo Carmen: A Hip Hopera, trasmesso su MTV. Il suo ruolo come Foxxy Cleopatra in Austin Powers in Goldmember (2002) la rese una star del cinema e la portò a recitare in The Fighting Temptations (2003) e The Pink Panther (2006). Nel 2006 interpretò Deena Jones in Dreamgirls, l’adattamento cinematografico del musical del 1981 incentrato su un gruppo musicale degli anni ’60. La performance di Beyoncé fu nominata per un Golden Globe Award e la sua canzone “Listen” per un premio Oscar. In seguito, recitò in Cadillac Records (2008), in cui interpretò la cantante Etta James, e nel thriller Obsessed (2009) prima di prestare la voce ad una regina della foresta fatata nell’animato Epic (2013).

Nel remake del 2019 de Il re Leone della Disney, Beyoncé doppiò il personaggio di Nala. Cantò diverse canzoni nella colonna sonora, tra cui “Spirit”, una canzone originale da lei co-scritta, e una versione di “Can You Feel the Love Tonight”. Contestualmente, rilasciò un album ispirato al film, The Lion King: The Gift. Canzoni di quell’album furono successivamente presenti nel visual album Black Is King (2020), trasmesso sul servizio di streaming Disney+. Con il singolo “Black Parade”, Beyoncé vinse il Grammy per la migliore performance R&B nel 2021. Quell’anno ricevette altri tre premi per stabilire il record di più Grammy (28) vinti da una artista femminile. Beyoncé co-scrisse e cantò in seguito “Be Alive” per il film King Richard (2021), ottenendo una nomination all’Oscar per la migliore canzone originale.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli