venerdì, Aprile 12, 2024
HomeSportGran Premio di Monaco: weekend di illusioni, ma Alonso fa sognare

Gran Premio di Monaco: weekend di illusioni, ma Alonso fa sognare

Il Gran Premio di Monaco è stato un weekend di illusioni.

È iniziato con la sensazione all’interno della Formula 1 che questa potesse essere la gara in cui la Red Bull potrebbe finalmente essere seriamente minacciata da un’altra squadra, forse anche battuta.

Quella sensazione è durata durante le qualifiche e per gran parte della gara, ma alla fine Max Verstappen e la sua macchina hanno fatto quello che hanno sempre fatto: hanno schiacciato quelle speranze sotto il peso della loro superiorità.

Prima della gara, si percepiva che la Red Bull doveva affrontare due potenziali minacce.

Uno era la Ferrari, e in particolare Charles Leclerc, e l’altro era l’Aston Martin di Fernando Alonso.

Se Leclerc fosse riuscito a portare la sua Ferrari in pole – come aveva fatto negli ultimi due anni a Monaco, come aveva fatto sul circuito cittadino di Baku due gare fa – forse avrebbe potuto resistere davanti alle Red Bull per una vittoria.

E Alonso, eccezionale tutto l’anno, ha una macchina i cui punti di forza sarebbero accentuati da Monaco e le sue debolezze non esposte. Forse potrebbe essere l’uomo per spodestare finalmente la Red Bull.

Gran Premio di Monaco: cosa sta succedendo alla Ferrari?

La sfida Ferrari svanì rapidamente. Anche le rinomate doti di Leclerc su un giro, e soprattutto su piste stradali, sono bastate solo per il terzo posto in griglia, che è diventato sesto dopo una penalità per impedimento in qualifica. Quella è stata la fine di ciò.

La minaccia di Alonso durò ancora a lungo. Era in pole fino a quando uno spettacolare settore finale del suo ultimo giro glielo ha strappato da Verstappen. E in gara è stato l’unico pilota a tenersi in contatto con Verstappen.

L’Aston Martin ha scelto una strategia di pneumatici alternativa che ha reso la vita scomoda a Verstappen. E alcuni hanno persino pensato che se la squadra avesse optato per le gomme intermedie piuttosto che per le slick quando si è fermata al giro 54 quando la pioggia ha iniziato a intensificarsi intorno a Monaco, Alonso avrebbe potuto prendere il comando, poiché Verstappen non si era fermato ai box e ha affrontato un giro su una pista bagnata su pneumatici lisci.

Ma anche quella era un’illusione.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli