lunedì, Aprile 22, 2024
HomeSpettacolo e GossipI critici cinematografici si innamorano di Halle Bailey, la nuova 'carismatica' Ariel...

I critici cinematografici si innamorano di Halle Bailey, la nuova ‘carismatica’ Ariel della Sirenetta

L’attrice Halle Bailey offre una performance da “star” nei panni di Ariel nel remake live-action della Disney de La sirenetta, secondo i critici.

La maggior parte delle recensioni del film ha elogiato Bailey, con la Bibbia di Hollywood Variety che ha dichiarato che “è nata una stella”.

Il Guardian ha detto che è “la cosa migliore di questo film” e il suo “unico trionfo assoluto”.

Quei verdetti arrivano dopo il casting di un’attrice di razza mista mentre la sirena ha causato polemiche in alcuni ambienti.

Ma la cantante 23enne diventata attrice “mette a posto tutti gli oppositori con una svolta innatamente carismatica e poteri vocali a tutto gas”, secondo il critico cinematografico del Times Kevin Maher.

Ha detto che Bailey dà una “svolta da star”, una frase usata anche da Clarisse Loughrey di The Independent.

Ha riassunto il film scrivendo: “Un bel casting non può coprire le brutte immagini e la mancanza di rischi creativi”.

Halle Bailey conquista i critici, ma vale lo stesso per il live action?

Il remake live action dell’amato adattamento del 1989 della storia di Hans Christian Andersen utilizza anche una grande dose di animazione al computer per dare vita al mondo sottomarino.

“Ora gli animali sono tutti fotorealistici”, ha aggiunto Loughrey. “È strano pensare che abbiano speso così tanti soldi per far sembrare Flounder (Jacob Tremblay) un vero pesce quando avrebbero potuto semplicemente comprare un Billy Bass Big Mouth e ottenere la stessa gamma di espressioni facciali”.

Non è dello stesso parere Ellen E Jones del Guardian. Infatti, ha scritto che a parte Bailey, “quasi tutto il resto di questo flop come un pesce morente sul ponte”.

Ha detto che le cose che erano carine o divertenti se fatte in forma di cartone animato “non sono più carine o divertenti se fatte da approssimazioni di vita marina generate al computer senza espressioni facciali riconoscibili”.

Ha aggiunto: “Intere sequenze di interazione dei personaggi ricordate con affetto dal suo predecessore del 1989 … sono rese senza vita dalla CGI. E saresti comunque fortunato a farne gran parte nell’oscurità della cinematografia subacquea”.

Altri verdetti sono stati vari ma meno schiaccianti. Lovia Gyarkye di The Hollywood Reporter ha affermato che il film ha “un’atmosfera vaga e generica”. Invece, il Telegraph ha affermato che “giustifica la sua brillante revisione”.

Il passato Disney “i rimaneggiamenti non hanno avuto del tutto successo”, ha scritto Diggins. “Fortunatamente, La sirenetta si allontana comodamente dal lotto. Serve come un bell’omaggio mentre presenta in modo persuasivo il caso come una sua entità discreta.”

Peter Debruge di Variety era entusiasta del film in generale e della performance di Bailey.

Ha anche scelto Melissa McCarthy come la malvagia strega del mare Ursula.

“McCarthy riesce a colpire ogni ritmo che i super fan si aspettano, sorprendendo con ogni pausa e inflessione”, ha scritto.

“Tra il monello con gli occhi spalancati di Bailey e la sgualdrina esagerata di McCarthy, il film prende vita – non in qualche forma zombificata, come i debacle Disney rianimati Dumbo e Pinocchio, ma in un modo che offre al pubblico giovane qualcosa di magico con cui identificarsi e nuovi sogni da sirena a cui aspirare.”

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli