domenica, Maggio 19, 2024
HomeSpettacolo e GossipIndiana Jones e il quadrante del destino, la recensione: atto finale "cupo...

Indiana Jones e il quadrante del destino, la recensione: atto finale “cupo e deprimente”.

Indiana Jones è tornato. Sono passati 34 anni dal film che avrebbe dovuto essere il suo film d’addio – c’era anche “Last” nel titolo. Ma sono passati anche 15 anni da quando è tornato in Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, ma Harrison Ford ha indossato il suo marrone fedora e giacca di pelle per la quinta e sicuramente ultima volta. In questa occasione, però, ha 80 anni, e il film non è diretto dal co-creatore della serie, Steven Spielberg, ma di James Mangold. Quindi Indiana Jones e il quadrante del destino ha il potenziale per essere un disastro.

La buona notizia è che non è un disastro. È un’aggiunta rispettabile e competente alla serie. La cattiva notizia è che un disastro avrebbe potuto valere di più la pena. The Dial of Destiny prende una svolta improvvisa, audace e sicuramente divisiva in uno stravagante territorio inesplorato nella sua ultima mezz’ora. Ma per il resto è come una fan fiction, che si accontenta di spuntare tutto ciò che hai già visto in altri film di Indiana Jones.

Indiana Jones: il commento a caldo dopo Cannes

La sensazione che non sia così esaltante come avresti potuto sperare si insinua durante un prologo ambientato negli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale. Indy e il suo amico Basil (Toby Jones, che fa eco alla maldestra britannicità di Denholm Elliott) stanno cercando di impedire agli assediati nazisti di ritirarsi a Berlino con un treno carico di antichità saccheggiate, e quello che attira la loro attenzione è un aggeggio portatile costruito da Archimede. Questo strumento steam-punk non usa solo la matematica per prevedere tempeste e terremoti. Infatti, crea “fessure nel tempo”, da cui un fisico nazista, Voller, è ansioso anche di metterci le mani sopra.

Parlando di “fessure nel tempo”, Ford è stato invecchiato digitalmente per avere il viso più liscio e i folti capelli castani che aveva in I predatori dell’arca perduta, ma emana l’atmosfera misteriosa di qualcuno che non è del tutto reale . In effetti, questo prologo troppo lungo non si limita a richiamare la scenografia del treno all’inizio di The Last Crusade, ma ricorda il cartone animato Tintin di Spielberg, in quanto le fughe sono teoricamente eccitanti, ma sono troppo ovviamente false per far correre il polso.

Quel che è peggio è che quando il film passa al 1969, l’irrealtà pesante della CGI persiste. Indy sta per ritirarsi da uno scoraggiante lavoro di insegnante a New York. Non c’è traccia della moglie e del figlio che aveva alla fine de Il regno del teschio di cristallo. In generale sembra essere una reliquia tanto quanto quelli gli piace scoprire. Ma poi la sua figlioccia, la cordiale figlia archeologa di Basil, Helena (Phoebe Waller-Bridge), si presenta per chiedergli di Archimede. Questo è scomparso da decenni ed è stato diviso in due pezzi in modo da aggiungere alle possibilità di ricerca. Naturalmente, Helena non è l’unica persona sulle sue tracce.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli