sabato, Maggio 25, 2024
HomeSpettacolo e GossipJennifer Lawrence: il documentario Bread and Roses dà voce alle donne afghane

Jennifer Lawrence: il documentario Bread and Roses dà voce alle donne afghane

L’attrice premio Oscar Jennifer Lawrence si lancia in un nuovo progetto.

“Voi opprimete solo le donne”, dice la giovane al combattente talebano.

“Ti avevo detto di non parlare”, grida di rimando, “ti ucciderò proprio qui!”

“Va bene, uccidimi!” risponde lei, alzando la voce in modo che corrisponda alla sua. “Avete chiuso scuole e università! Meglio uccidermi!”

Un telefono con fotocamera ha catturato segretamente e tremante questo confronto diretto all’interno di un’auto tra la donna e il militante.

Era appena stata arrestata a seguito di una protesta e stava per essere portata in una cella di detenzione a Kabul.

È una scena del documentario Bread and Roses, che esplora la vita quotidiana di tre donne nelle settimane successive all’acquisizione.

La produttrice è l’attrice premio Oscar, Jennifer Lawrence, che sta raccontando alla BBC perché questo momento del film è così significativo per lei.

“Il mio cuore batteva così forte guardando queste donne sfidare i talebani”, dice Lawrence. “Non vedi questo lato della storia, le donne che reagiscono, nelle notizie ogni giorno ed è una parte importante del nostro film e delle storie di queste donne”.

Dice che è devastante pensare all’improvvisa perdita di controllo che le donne afgane hanno subito.

“Attualmente non hanno autonomia all’interno del loro paese. È così importante per loro avere l’opportunità di documentare la propria storia, a modo loro”.

Il film è stato realizzato da Excellent Cadaver, la casa di produzione fondata da Jennifer Lawrence nel 2018 con la sua amica Justine Ciarrocchi.

Jennifer Lawrence è la produttrice del nuovo documentario

“Questo documentario è nato dall’emozione e dalla necessità”, afferma Lawrence, che descrive la sensazione di sentirsi impotente e frustrata per ciò che vedeva al telegiornale.

Ciarrocchi afferma che Lawrence “ha avuto una reazione sismica alla caduta di Kabul nel 2021 perché le circostanze erano così terribili per le donne”.

“E lei ha detto: ‘Dobbiamo dare a qualcuno una piattaforma per raccontare questa storia in modo significativo.'”

Quel qualcuno era Sahra Mani, una documentarista che ha co-fondato la società di produzione indipendente di Kabul, Afghan Doc House.

Sia Jennifer Lawrence che Ciarrocchi avevano visto il suo documentario acclamato dalla critica A Thousand Girls Like Me, che descrive una donna afgana di 23 anni che va alla televisione nazionale per denunciare gli abusi sessuali di suo padre, dopo essere stata ignorata dalla sua famiglia e dalla polizia.

Ciarrocchi ha rintracciato Mani, che ha affermato di aver già avviato un progetto, seguendo tre donne nel Paese mentre cercavano di stabilire una sorta di autonomia nei mesi successivi alla presa del potere talebano, mentre le ragazze e le donne erano escluse da università e scuole.

Mani ha filmato utilizzando telecamere nascoste e ha persino chiesto alle donne di filmarsi nei rifugi con i loro amici e le loro famiglie.

Un’altra sequenza cattura un incontro segreto in uno scantinato senza finestre, in una strada laterale di Kabul. Più di una dozzina di donne siedono in file di banchi e sedie, disposte come un’aula improvvisata. Il vapore sale dalle bevande nei loro bicchieri di plastica.

Non si conoscono, ma appartengono tutti a gruppi diversi che hanno protestato dopo che i talebani hanno riconquistato l’Afghanistan nell’agosto 2021.

Una delle donne, una dentista di nome Zahra, ha condotto lo spettatore a questo incontro segreto. Quando parla al gruppo, ricorda di aver indossato tacchi alti e profumo e di essere andata al parco con le sue amiche. Le donne intorno a lei sorridono.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli