sabato, Maggio 18, 2024
HomeNewsIngegnere morto fulminato mentre ripara l'impianto elettrico in una clinica nel Darfur

Ingegnere morto fulminato mentre ripara l’impianto elettrico in una clinica nel Darfur

Un giovane di 27 anni studente di ingegneria elettrica è morto fulminato cercando di riparare l’impianto elettrico in un ospedale colpito dai combattimenti nella regione del Darfur del Sudan.

Chi è il ragazzo morto fulminato

Muhammedin Fadul Idris Wadi, conosciuto dai suoi amici come Ala Danedn, è stato elettrocutato al Centro Sanitario Sayed al-Shahada nella città di Fasher giovedì.

Faceva parte di un gruppo di volontari che cercavano di mantenere in funzione la clinica in mezzo a violenti scontri e saccheggi.

“Era conosciuto per il suo sorriso, anche in tempo di guerra”, ha detto il suo amico.

Ha dato la sua vita come servitore del popolo di Fasher”, ha detto Ahmed Ishaq, che ha studiato con lui all’Università di Fasher, alla BBC.

Ala Danedn era ammirato per il suo lavoro instancabile e le sue iniziative comunitarie altruistiche, ha detto.

Una didascalia che accompagna la sua foto del profilo su Facebook recita: “Non aspettare l’opportunità, creala“.

La difficile situazione in Sudan

Da quando il conflitto è scoppiato in Sudan tra fazioni militari rivali il 15 aprile, il suo gruppo di volontari, chiamato Youth of the al-Thawra Initiative, si è concentrato ad assistere il personale medico di Fasher, la capitale dello stato del Darfur del Nord.

Tutte le strutture mediche di Fasher, tranne il South Hospital, una clinica ostetrica riconvertita, hanno dovuto chiudere a causa della loro vicinanza ai combattimenti o dell’incapacità del personale di raggiungerle.

“L’ho visto lavorare con ogni sforzo per pulire e assistere i feriti nel South Hospital durante la prima settimana”, ha detto il signor Ishaq.

“Ci ha tenuto su in momenti difficili con le sue parole gentili, e ha lavorato come un’ape”.

I volontari hanno quindi rivolto la loro attenzione al Centro Sanitario Sayed al-Shahada, che era stato danneggiato e saccheggiato e successivamente abbandonato dal personale.

Ritenevano fosse importante provare a riaprirla data la sua vicinanza a quartieri vulnerabili a sud della città, tra cui i campi di Abu Shanbat e Zam Zam, che ospitano comunità che hanno fuggito dai loro villaggi durante la violenza etnica che ha devastato il Darfur 20 anni fa.

Il suo gruppo ha raccolto fondi per organizzare la ristrutturazione della struttura e acquistare cibo, medicine e altri forniture mediche.

“Era bravo a fare networking con le farmacie e le aziende di forniture mediche”, ha detto il signor Ishaq della dedizione del suo amico per vedere il centro sanitario riaprire.

La clinica ha ripreso a funzionare lunedì scorso con l’aiuto di 25 medici volontari e 80 volontari della comunità. Certo con un po’ di amarezza: sicuramente però il ragazzo morto fulminato sarà ricordato per il suo importante contributo.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli