sabato, Maggio 18, 2024
HomeNewsJeff Bezos, CEO di Amazon, aiuta la Nasa a tornare sulla Luna

Jeff Bezos, CEO di Amazon, aiuta la Nasa a tornare sulla Luna

L’agenzia spaziale statunitense ha arruolato un secondo miliardario per aiutarla a riportare gli astronauti sulla Luna, Jeff Bezos, CEO di Amazon.

La Nasa sta già lavorando con la società SpaceX di Elon Musk su un sistema di discesa basato sul suo nuovo razzo Starship che atterrerà già nel 2025.

Ora ha anche assegnato al fondatore di Amazon.com Jeff Bezos un contratto per costruire un mezzo da sbarco per portare un equipaggio sulla superficie lunare entro la fine di questo decennio.

La sua società Blue Origin produrrà un veicolo dall’aspetto più convenzionale.

Jeff Bezos avrà l’assistenza di alcuni nomi affermati nel settore aerospaziale americano, tra cui Lockheed Martin, Boeing, Draper e Astrobotic.

Blue Origin si è assicurata il contratto in una competizione con Dynetics e Northrop Grumman.

Jeff Bezos: il ruolo del miliardario nella NESE

La società di Bezos, che ha sede nel Kent, nello stato americano di Washington, riceverà poco più di 3,4 miliardi di dollari (2,7 miliardi di sterline) dalla Nasa come parte del contratto. E l’azienda spenderà “ben oltre i 3,4 miliardi di dollari” dei propri soldi per il progetto.

“Andiamo sulla Luna, per imparare, vivere, inventare, creare tutte queste cose per avere successo sulla Luna, per andare su Marte”, ha detto l’amministratore dell’agenzia Bill Nelson.

“La grande avventura dell’umanità che si spinge nel cosmo è qui. E questa ne fa parte.”

Sono passati più di 50 anni dall’ultima volta che gli astronauti hanno messo piede sulla Luna.

La Nasa ha delineato una tabella di marcia per raggiungere una presenza umana più sostenuta sul satellite naturale della Terra la prossima volta.

Il programma Artemis dell’agenzia prevede soggiorni di settimane sulla superficie lunare anziché solo giorni, come avveniva negli anni ’60 e ’70.

A SpaceX è stato chiesto di abbattere due astronauti al polo sud della Luna alla fine del 2025 o 2026, e poi di nuovo nel 2028. Queste sono le missioni Artemis III e Artemis IV.

Il veicolo di Blue Origin alto 16 metri e da 45 tonnellate si chiama “Blue Moon”. Farebbe il lavoro su Artemis V, che dovrebbe avvenire non prima del 2029.

“Prima che avvenga l’atterraggio del primo equipaggio, atterreremo una copia esatta di quel lander prima di quello – un anno prima. Quindi, testeremo i sistemi completi del lander e l’intera architettura prima che qualsiasi astronauta entri nel veicolo”, ha spiegato John Couluris, vice presidente di Blue Origin per il trasporto lunare.

Il lander potrebbe anche essere configurato semplicemente per trasportare merci sulla superficie lunare, un minimo di 20 tonnellate, ha aggiunto il dirigente.

Blue Origin prevede di utilizzare il proprio razzo, noto come New Glenn, per allontanare Blue Moon dalla Terra (sebbene questo lanciatore non abbia ancora effettuato un volo di debutto). Le dimensioni del lander sono state determinate dai parametri di volume e massa del razzo, che ha un vano di carico utile largo 7 m.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli