giovedì, Giugno 13, 2024
HomeNewsNetflix blocca la condivisione delle password: il commento ironico di Amazon Prime...

Netflix blocca la condivisione delle password: il commento ironico di Amazon Prime Video

Amazon Prime Video ha voluto prendere in giro Netflix per il suo blocco della condivisione delle password, come riporta il Daily Mail.

E anche Blockbuster si unisce alla presa in giro delle nuove regole del colosso americano.

Netflix dice stop alle password condivise: Amazon Prime Video lo irride

Netflix è stato deriso senza pietà dai suoi rivali in seguito al controverso giro di vite sulla condivisione delle password.

L’account Twitter di Amazon Prime Video ha infatti pubblicato un’immagine dei profili utente con la scritta “Chi sta guardando? Tutti quelli che hanno la nostra password“.

L’account ha ritwittato il vecchio post di Netflix del 2017 che diceva: “L’amore è condividere una password“. Anche se da allora la sua posizione è cambiata drasticamente.

Amazon Prime Video non sembra avere problemi con i suoi utenti che condividono le password. A differenza di Netflix, che ha avviato il blocco della condivisione delle password la scorsa settimana.

In base alle regole introdotte in 103 paesi, inclusi Stati Uniti e Regno Unito, le persone che stavano guardando Netflix con l’account di qualcun altro ora devono crearne uno e pagare per i propri accessi.

In alternativa, coloro che desiderano comunque condividere un account con persone in una casa diversa devono iscriversi alla “condivisione a pagamento”.

Il commento di Blockbuster

Anche Blockbuster è intervenuto sulla controversia con un tweet spiritoso, dicendo che “non importava” se i loro clienti condividevano il proprio prodotto, “a patto che tu lo restituissi in tempo“.

Blockbuster, noto per il noleggio di VHS e DVD, ha cessato la maggior parte delle sue attività commerciali nell’ultimo decennio.

Questo perché in parte è stato tagliato fuori dal mercato a causa del grande successo di Netflix, che ha circa 230 milioni di abbonati in tutto il mondo.

Rimane solo un negozio Blockbuster – nella città di Bend, Oregon – anche se si vocifera che il marchio stia per fare un ritorno spettacolare.

I fondatori di Netflix hanno persino cercato di convincere Blockbuster ad acquistare la loro piattaforma per $50 milioni nel 2000, anche se sono stati respinti.

Sembra che altri rivali dello streaming video, come Apple TV e Disney+, siano rimasti in silenzio sui social media in merito alla controversia legata a Netflix.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli