sabato, Maggio 25, 2024
HomeSpettacolo e GossipSciopero attori: Hollywood si ferma, e anche la premiere di Oppenhaimer

Sciopero attori: Hollywood si ferma, e anche la premiere di Oppenhaimer

Anche gli attori sostengono lo sciopero degli sceneggiatori e ora Hollywood si ferma.

La Screen Actors Guild (SAG) vuole che i giganti dello streaming accettino una ripartizione più equa dei profitti e migliori condizioni di lavoro.

Circa 160.000 artisti smetteranno di lavorare a mezzanotte.

L’interruzione significa che la stragrande maggioranza delle produzioni cinematografiche e televisive statunitensi si fermerà.

Le star Cillian Murphy, Matt Damon ed Emily Blunt hanno lasciato la premiere di Oppenheimer di Christopher Nolan a Londra giovedì sera quando è stato dichiarato lo sciopero.

Lo sciopero del SAG inizia a mezzanotte, ora di Los Angeles (08:00 BST). Il picchettaggio inizierà venerdì mattina fuori dalla sede californiana di Netflix, prima di passare a Paramount, Warner Bros e Disney.

Il sindacato – ufficialmente noto come Screen Actors Guild-American Federation of Television and Radio Artists, o SAG-AFTRA – vuole anche una garanzia che l’intelligenza artificiale (AI) e i volti e le voci generati dal computer non vengano utilizzati per sostituire gli attori.

Il gruppo che rappresenta gli studi, l’Alliance of Motion Picture and Television Producers, o AMPTP, ha criticato la decisione.

Diceva che “uno sciopero non è certamente il risultato che speravamo poiché gli studi non possono operare senza gli artisti che danno vita ai nostri programmi TV e film”.

“Il sindacato ha purtroppo scelto un percorso che porterà a difficoltà finanziarie per innumerevoli migliaia di persone che dipendono dal settore”, ha aggiunto la sua dichiarazione.

Sciopero degli attori: il ruolo dell’intelligenza artificiale

Per rispondere alle preoccupazioni sull’uso dell’intelligenza artificiale, l’AMPTP ha affermato di aver accettato una “proposta rivoluzionaria” che proteggerebbe la somiglianza digitale degli attori e richiederebbe il loro consenso quando le repliche digitali vengono utilizzate nelle esibizioni o vengono apportate modifiche.

Ma il direttore esecutivo nazionale e capo negoziatore del SAG, Duncan Crabtree-Ireland, ha dichiarato che l’offerta è inaccettabile.

“Propongono che i nostri artisti di sfondo dovrebbero poter essere scansionati, essere pagati per un giorno di paga, e la loro compagnia dovrebbe possedere quella scansione della loro immagine, della loro somiglianza, e dovrebbe essere in grado di usarla per il resto dell’eternità”, ha detto. disse. “Se pensi che sia una proposta rivoluzionaria, ti suggerisco di ripensarci.”

Un’altra richiesta SAG dei servizi di streaming è che gli attori ricevano una retribuzione base maggiore e residui, ovvero pagamenti effettuati agli attori dalle ripetizioni di film e programmi in cui hanno recitato.

Lo sciopero include decine di migliaia di attori che ricevono una retribuzione significativamente inferiore per piccole parti rispetto ai loro colleghi di serie A.

“Nel vecchio modello, ottengono residui basati sul successo”, ha detto alla BBC Kim Masters, caporedattore dell’Hollywood Reporter. “Nel nuovo modello, non riescono a scoprire cosa sta succedendo dietro le quinte, perché gli streamer non condividono”.

Il doppio sciopero: il primo dal 1960

Fran Drescher, presidente del SAG, ha affermato che lo sciopero arriva in un “momento molto importante” per gli attori del settore.

“Quello che ci sta accadendo sta accadendo in tutti i campi del lavoro”, ha detto, “quando i datori di lavoro fanno di Wall Street e dell’avidità la loro priorità, e dimenticano i contributori essenziali che fanno funzionare la macchina”.

Dal 2 maggio è in corso uno sciopero separato degli 11.500 membri della Writers Guild of America che chiedono migliori salari e condizioni di lavoro.

Alcuni scrittori si sono rivolti a progetti che non sono coperti dal contratto tra la gilda e l’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi.

Il “doppio sciopero” di entrambi i sindacati è il primo dal 1960, quando il SAG era guidato dall’attore Ronald Reagan. Questo molto prima che entrasse in politica e diventasse presidente degli Stati Uniti. L’ultimo sciopero degli attori ebbe luogo nel 1980.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli