sabato, Maggio 18, 2024
HomeNewsTelescopio Webb compie un anno: le immagini regalate alla scienza

Telescopio Webb compie un anno: le immagini regalate alla scienza

È passato esattamente un anno da quando il telescopio Webb ha iniziato a regalarci le immagini dello spazio.

E per festeggiare, l’agenzia spaziale statunitense Nasa ha appena rilasciato una spettacolare immagine di una delle parti di cielo più fotografate.

È il complesso di nubi Rho Ophiuchi, che è la regione di formazione stellare più vicina a noi, a soli 400 anni luce di distanza.

Sia gli astronomi professionisti che quelli dilettanti amano guardare Rho Ophiuchi, che si trova solo su un lato del piano della Via Lattea.

Ciò che Webb ci mostra è solo una piccola parte di questa densa regione di gas e polvere, che è quello che ti aspetteresti, data la sorprendente risoluzione del telescopio.

L’intera immagine ha un diametro di circa mezzo anno luce, o 4,7 tn km.

L’occhio è immediatamente attratto dalla nebulosa bianca al centro-sinistra dove una stella relativamente giovane – di pochi milioni di anni – chiamata S1 sta illuminando tutto intorno a sé.

Ma guarda sotto la caratteristica rossa simile a una barra che si estende su tutta l’immagine. Questo è un deflusso di materiale da una protostella chiamata VLA1623.

Stelle molto giovani – la loro età misurata in sole migliaia di anni – attireranno su di sé idrogeno gassoso e polvere man mano che crescono. Ma le dinamiche coinvolte significano che parte di questo materiale verrà anche espulso verso l’esterno per schiantarsi e illuminare l’ambiente circostante.

Telescopio Webb: le nuove scoperte

Una volta che ti rendi conto di cosa sta succedendo nell’immagine attorno a VLA1623, puoi quindi individuare flussi simili altrove nella vista Webb. Ce ne sono moltissimi, il che illustra quanto sia produttiva questa regione dello spazio.

JWST è un progetto congiunto della Nasa e delle agenzie spaziali europea (Esa) e canadese (CSA).

È stato lanciato il 25 dicembre 2021, ma gli ingegneri hanno impiegato sei mesi per allestire l’osservatorio e testare tutti i suoi sistemi.

È stato il 12 luglio 2022 che ci sono state mostrate le prime immagini a colori .

L’obiettivo principale di Webb è tracciare le primissime stelle a brillare nell’Universo più di 13,5 miliardi di anni fa, e ha già dimostrato che le galassie di stelle si sono riunite molto prima e sono maturate molto più rapidamente di quanto chiunque avesse ritenuto possibile in precedenza.

Il telescopio ha anche altri obiettivi, uno dei quali è mostrarci i dettagli di come vengono create le stelle e come generano i pianeti. Ed è per questo motivo che Rho Ophiuchi è un bersaglio affascinante per il più potente osservatorio dello spazio.

“JWST non solo rivoluzionerà la nostra visione di come sono nate le galassie nell’universo primordiale, ma anche di come le stelle e i pianeti vengono creati oggi, molto più vicini a casa nella nostra Via Lattea”, ha detto l’astronomo.

Per sottolineare quanto Webb sia una meraviglia, l’immagine sottostante del complesso Rho Ophiuchi è stata acquisita dal telescopio spaziale Spitzer della Nasa, ora in pensione. Spitzer, come Webb, era sensibile alla luce infrarossa. Era una struttura molto capace, ma con uno specchio primario di soli 85 cm di diametro, non avrebbe mai potuto ottenere il tipo di dettaglio che vediamo ora con lo specchio primario di Webb da 6,5 ​​m.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli