martedì, Maggio 21, 2024
HomeNewsSommergibile scomparso nell'Atlantico mentre visitava il relitto del Titanic: è corsa contro...

Sommergibile scomparso nell’Atlantico mentre visitava il relitto del Titanic: è corsa contro il tempo

Proseguono le ricerche del sommergibile scomparso nell’Oceano Atlantico, durante una visita al relitto del Titanic.

Come riporta la CNN, sarebbero stati rilevati alcuni rumori esplosivi, mentre le scorte di ossigeno diminuiscono e le ricerche si intensificano. È una vera e propria corsa contro il tempo.

Sommergibile scomparso nell’Atlantico: continuano le ricerche

Le ricerche del sommergibile scomparso nell’Atlantico, mentre visitava il relitto del Titanic con 5 persone a bordo, proseguono ininterrottamente.

In particolare sarebbero stati rilevati ieri alcuni rumori durante le ricerche, secondo un promemoria del governo degli Stati Uniti.

I suoni provenienti dal fondale sono stati uditi dai dispositivi sonar schierati per trovare il sommergibile. I colpi sono arrivati ​​ogni 30 minuti quando sono stati rilevati per la prima volta martedì, e sono stati uditi di nuovo quattro ore dopo, secondo la nota interna del governo ottenuta dalla CNN.

La Guardia Costiera degli Stati Uniti ha affermato che i rumori sottomarini sono stati rilevati da un aereo canadese P-3, spingendo il trasferimento delle risorse per esplorarne l’origine. Tuttavia “le ricerche hanno prodotto risultati negativi“, ha twittato l’agenzia mercoledì.

La corsa contro il tempo

Il rapporto arriva mentre l’ossigeno diminuisce sul piccolo sommergibile. Potrebbero esserci meno di 30 ore di aria respirabile rimaste sulla nave a partire dalla mezzanotte di mercoledì mattina. È questa l’ultima stima dei funzionari della Guardia Costiera statunitense.

Il sommergibile, noto come “Titan”, trasportava un pilota e quattro “specialisti di missione” quando ha perso il contatto con la sua nave madre per circa 1 ora e 45 minuti, hanno detto le autorità.

Con lo scorrere del tempo gli Stati Uniti stanno movimentando risorse militari e commerciali per portare aiuto alle ricerche. Inoltre gli aerei delle forze armate canadesi, della Guardia costiera degli Stati Uniti e della Guardia nazionale aerea di New York continuano la massiccia e complessa ricerca sopra e sotto l’acqua.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha anche inviato una nave da ricerca con un robot sottomarino per unirsi alla ricerca, ha annunciato il governo francese.

Se gli equipaggi trovano il sommergibile scomparso nelle profondità dell’oceano, le autorità dovranno affrontare una missione molto complessa. Non solo recuperare il sommergibile, ma anche tutti i sopravvissuti, ha detto il capitano della Marina in pensione Ray Scott “Chip” McCord, i cui 30 anni di esperienza includono la supervisione di diverse operazioni di salvataggio.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli