mercoledì, Novembre 29, 2023
HomeMotoriTitan Silicon: la batteria a silicio che rivoluzionerà la mobilità

Titan Silicon: la batteria a silicio che rivoluzionerà la mobilità

Un’importante novità si profila all’orizzonte per il settore delle batterie: nel 2024 vedrà la luce una nuova tecnologia che impiegherà un anodo di silicio, consentendo un incremento dell’autonomia del 20% e tempi di ricarica molto rapidi.

La startup Sila, con sede in California, che si è dedicata alla ricerca di nuove soluzioni per gli accumulatori, sta ora per lanciare sul mercato il suo anodo di silicio nanocomposito (NCS), con prestazioni eccezionali, denominato Titan Silicon.

La produzione inizierà a partire dalla metà dell’anno prossimo, e si prevede che questo prodotto avrà un impatto rivoluzionario sulla mobilità elettrica.

Batterie a silicio: composizione e funzionamento

Ci sono grandi novità nel campo delle batterie grazie all’introduzione di un anodo di silicio. Questo particolare tipo di anodo è in grado di immagazzinare molta più energia rispetto alla grafite, fino a dieci volte di più nello stesso spazio, perché svolge la semireazione di ossidazione. Ciò significa che, in termini di dimensioni, le batterie con anodo di silicio offrono un’autonomia maggiore rispetto alle batterie tradizionali.

La startup californiana Sila, specializzata nello sviluppo di nuove tecnologie di accumulo, ha annunciato la produzione di un anodo di silicio nanocomposito (NCS) chiamato Titan Silicon, che promette un aumento del 20% della densità energetica rispetto alle batterie attualmente in commercio. Ciò si traduce in un’autonomia aggiuntiva di circa 160 chilometri. Inoltre, la società ha rivelato che questo è solo l’inizio del loro progetto e che si stanno già concentrando sullo sviluppo di batterie sempre più performanti in futuro.

Quali sono i tempi di ricarica?

La startup californiana Sila sta rivoluzionando il settore delle batterie con la produzione di Titan Silicon, un anodo di silicio nanocomposito che promette prestazioni superiori rispetto alle tradizionali batterie agli ioni di litio. La peculiarità principale di Titan Silicon è la sua capacità di immagazzinare molta più energia rispetto alla grafite, garantendo un’autonomia aggiuntiva di circa 160 chilometri rispetto alle altre batterie sul mercato. Ma non è tutto: la ricarica è anche molto più veloce, con soli venti minuti necessari per caricare la batteria dal 10% all’80%. Inoltre, le Titan Silicon sono più piccole del 20% rispetto alle altre batterie e il loro peso è ridotto del 15%, garantendo alte prestazioni all’autonomia della vettura.

Ma c’è di più: Sila si sta impegnando a ridurre l’impatto ambientale generato dalla produzione delle sue celle, generando dal 50% al 75% in meno di CO2 per kWh rispetto alle tradizionali batterie agli ioni di litio.

L’obiettivo dell’azienda è quello di alimentare un milione di veicoli in circolazione nei prossimi cinque anni con le sue celle. Il co-fondatore e CEO di Sila, Gene Berdichevsky, ha dichiarato che Titan Silicon è il silicio nanocomposito più performante presente sul mercato e che il loro team di batterie e materiali continua a migliorare la loro chimica per fornire i migliori risultati possibili. Grazie alle sue soluzioni avanzate, Sila sta offrendo ai consumatori una portata più lunga e una ricarica più rapida, soddisfacendo così la crescente domanda di soluzioni sempre più performanti nel settore dei veicoli elettrici.

Il primo debutto del Titan Silicon? Con la Mercedes EQG

Nel 2019, la Casa della Stella a tre punte ha deciso di fare un investimento importante in una start-up che aveva sede nella Silicon Valley. L’acquisto ha suscitato molto interesse nel settore automobilistico, oltre che tra i clienti che sono sempre alla ricerca di novità in ambito automobilistico.

Alla metà del 2022, la nota casa automobilistica tedesca ha stretto un accordo con l’azienda californiana per l’impiego delle batterie all’anodo di silicio. La prima vettura ad essere equipaggiata con questa innovativa tecnologia sarà la Mercedes EQG, la versione elettrica dell’off-road, prevista per la seconda metà del prossimo anno.

Non solo, le batterie di Sila, grazie alla loro crescente produzione, troveranno presto spazio anche su altre vetture del marchio tedesco, con l’obiettivo di soddisfare sempre più clienti alla ricerca di nuove soluzioni innovative.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli