sabato, Maggio 25, 2024
HomePersonaggiWhitney Houston: biografia, successi e morte

Whitney Houston: biografia, successi e morte

Whitney Houston, nata il 9 agosto 1963 a Newark, New Jersey, Stati Uniti e morta il 11 febbraio 2012 a Beverly Hills, California, è stata una cantante e attrice americana.

Negli anni ’80 e ’90 è stata anche considerata una delle migliori performer musicali.

La vita di Whitney Houston e i successi

Figlia di Emily (“Cissy”) Houston – il cui gruppo vocale, le Sweet Inspirations, ha cantato il backup per Aretha Franklin – e cugina della cantante Dionne Warwick, Whitney Houston ha iniziato a cantare in chiesa da bambina.

Mentre era ancora al liceo, ha cantato il backup per Chaka Khan e Lou Rawls e ha fatto da modella per alcune riviste di moda. All’età di 19 anni ha firmato con Arista Records. Il suo album di debutto, Whitney Houston (1985), ha prodotto tre singoli al numero uno negli Stati Uniti. Whitney (1987) ha ottenuto altri quattro numeri uno e ha fatto guadagnare alla cantante un Grammy Award per il singolo “I Wanna Dance with Somebody”.

Nel 1992 Houston sposò il cantante Bobby Brown e fece il suo debutto cinematografico in The Bodyguard. Il film presentava la sua interpretazione di “I Will Always Love You” di Dolly Parton. La canzone è stata numero uno per 14 settimane.

La colonna sonora del film ha dominato i Grammy l’anno successivo. Houston che ha vinto i premi per l’album dell’anno, il disco dell’anno e la migliore performance vocale pop femminile. A metà degli anni ’90 ha continuato a recitare, in film come Waiting to Exhale (1995) e The Preacher’s Wife (1996). La colonna sonora di ogni film ha generato per lei singoli di successo.

Nel 1998 la Houston pubblicò My Love Is Your Love, che non vendette bene come gli sforzi precedenti. Nonostante ciò fu elogiata dalla critica e le valse un altro Grammy Award. Nel 2001 ha firmato un nuovo contratto multialbum con Arista per $ 100 milioni, ma le difficoltà personali hanno presto oscurato la sua carriera discografica.

La tumultuosa relazione di Houston con Brown (la coppia ha divorziato nel 2007) è stata oggetto di gossip per i tabloid. Allo stesso modo, anche il suo riconosciuto uso di droghe e problemi finanziari.

Il suo album del 2002, Just Whitney, è stata una risposta personale ai suoi detrattori, ma le sue vendite sono state deludenti rispetto agli sforzi precedenti. A parte uno scialbo album natalizio, One Wish (2003), Whitney Houston trascorse gli anni successivi in ​​uno stato di ritiro virtuale.

Nel febbraio 2009 è ritornata con un set di quattro canzoni al gala annuale pre-Grammy Awards di Clive Davis. La performance è stata accolta calorosamente e a giugno Houston ha annunciato che un album di nuovo materiale sarebbe stato disponibile entro la fine dell’anno.

I Look to You è stato rilasciato ad agosto con recensioni positive. Le canzoni di spicco includevano “Million Dollar Bill” (scritto da Alicia Keys) e la title track, una ballata lenta scritta da R. Kelly.

La morte della cantante

Nel febbraio 2012 Houston è morta in una vasca da bagno in un hotel di Beverly Hills poco prima della festa pre-Grammy di Davis.

Il rapporto di un medico legale pubblicato a marzo ha dichiarato che la causa della morte è stata l’annegamento accidentale. Hanno contribuito a questo fine le malattie cardiache e l’uso di cocaina. Houston è apparsa postuma nel film musicale Sparkle (2012), che aveva coprodotto. È stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2020.

Nel gennaio 2015 l’unica figlia di Houston, Bobbi Kristina Brown, è stata trovata priva di sensi in una vasca da bagno nella sua casa vicino ad Atlanta. È morta a luglio.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli