sabato, Maggio 25, 2024
HomeSenza categoriaGli Abba non faranno la reunion all'Eurovision 2024 nel 50° anniversario della...

Gli Abba non faranno la reunion all’Eurovision 2024 nel 50° anniversario della vittoria

Bjorn Ulvaeus e Benny Andersson degli Abba hanno escluso una reunion all’Eurovision Song Contest 2024 nella loro nativa Svezia.

L’anno prossimo ricorrerà il 50° anniversario della vittoria della band con la loro canzone Waterloo.

Parlando con BBC Newsnight, la coppia ha anche respinto l’idea che potrebbero comporre la voce della nazione ospitante.

Da quando gli Abba vinsero nel 1974, la Svezia ha vinto l’Eurovision altre cinque volte, compresa quest’anno a Liverpool.

Gli Abba non tornano all’Eurovision

Bjorn e Benny – che hanno giurato di non tornare mai più in tournée e secondo quanto riferito hanno rifiutato un’offerta di $ 1 miliardo per suonare 100 spettacoli all’inizio del millennio – dicono che non vogliono tornare insieme ad Agnetha Fältskog e Anni-Frid Lyngstad per esibirsi – anche per una notte.

“Non voglio”, dice Andersson, “e se non voglio, gli altri no. È lo stesso per tutti e quattro – qualcuno dice, ‘no’ – è un no.”

“Possiamo celebrare i 50 anni degli Abba senza essere sul palco”, aggiunge Ulvaeus.

In un’intervista per celebrare il primo anniversario della loro residenza virtuale per concerti, Abba Voyage, che presenta ricreazioni digitali dei quattro membri della band. Ulvaeus descrive la risposta del pubblico allo spettacolo londinese come “superando ogni aspettativa”.

“Quella connessione emotiva era la cosa importante per noi”, dice. “Fino a quando non abbiamo iniziato, non sapevamo se avrebbe funzionato.

“Il loro intelletto sta dicendo loro che non siamo lì, ma emotivamente sono collegati, il che è una cosa fantastica”.

Ulvaeus ritiene che la rivoluzionaria tecnologia impiegata nel loro spettacolo verrà utilizzata in futuro per creare avatar di artisti deceduti che non possono dare il proprio consenso, ponendo un dilemma sia per i produttori che per il pubblico.

“Possiamo dire ‘sì’ o ‘no’ a tutto, così il pubblico sa che ci siamo noi”, dice, “quindi sarebbe una questione etica”.

E riconoscono che la tecnologia potrebbe anche essere utilizzata in modo improprio per creare “falsi profondi” con il potenziale per diffondere disinformazione.

“Ma non è certo colpa nostra”, dice Andersson.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli