sabato, Aprile 13, 2024
HomeNewsAltoparlanti intelligenti, perché le vendite sono in calo

Altoparlanti intelligenti, perché le vendite sono in calo

Il capo di Currys, rivenditore di materiale elettrico e fornitore di servizi post-vendita operante nel Regno Unito e in Irlanda, ha rivelato che le vendite di altoparlanti intelligenti sono in netto calo.

Questo perché i clienti hanno ridotto e scambiato articoli elettrici, ha affermato il capo dell’azienda, come riportato dalla BBC News.

Vendite in calo per gli altoparlanti intelligenti: il motivo

Le vendite complessive di altoparlanti intelligenti, come Alexa, sono diminuite del 7% nel corso dell’anno fino al 29 aprile. Questo perché le persone avrebbero acquistato beni più economici a causa dell’aumento del costo della vita. Gli acquirenti hanno anche acquistato più prodotti a credito per ripartire i costi.

Le persone non sono così interessate ad Amazon Alexa come una volta“, ha detto l’amministratore delegato Alex Baldock al programma Today della BBC. Ciò è sorprendente poiché molti analisti del settore hanno previsto un boom di altoparlanti intelligenti.

Baldock ha affermato che gli acquirenti “stanno attenti ai loro soldi“. E ha anche aggiunto di essere “diffidente nei confronti dell’ottimismo riguardo al potere d’acquisto dei consumatori” nel prossimo anno.

Le esigenze dei consumatori stanno cambiando

La catena di vendita al dettaglio ha anche affermato che un numero maggiore di clienti utilizzava il credito per acquistare prodotti più costosi. In particolare se pensavano di poter risparmiare denaro a lungo termine, ad esempio lavatrici ad alta efficienza energetica, che era importante per le persone con l’aumento delle bollette.

Quasi il 18% della merce della catena è stata acquistata in questo modo durante l’anno, rispetto al 13% precedente. “Il credito non è mai stato così importante per i clienti come durante una crisi del costo della vita“, ha affermato il rivenditore.

I clienti sceglievano prodotti più efficienti dal punto di vista energetico perché sapevano che era meglio anche per l’ambiente, ha aggiunto. Le azioni del rivenditore sono scese di oltre il 7%, dopo aver palesato la diffidenza riguardo le prospettive di ripresa della domanda dei consumatori.

Le famiglie in difficoltà sono state martellate dall’aumento dei prezzi negli ultimi anni, poiché i costi di cibo, energia e carburante sono aumentati vertiginosamente. Per combattere l’inflazione, la Banca d’Inghilterra ha aumentato i tassi di interesse, ma questo ha esercitato una maggiore pressione sulle persone con grandi prestiti, come i mutui.

Tuttavia, il ritmo degli aumenti generali dei prezzi non è diminuito quanto sperato, il che ha portato a previsioni di ulteriori aumenti dei tassi di interesse.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli